Pesca, D’Amato (Greens): su Regolamento Ue controlli rischio è di penalizzare i piccoli pescatori

“Il testo del Regolamento controlli dell’Ue approvato oggi dal Parlamento fa alcuni passi avanti, ma presenta anche delle scappatoie che potrebbero potenzialmente andare a beneficio dei grandi pescherecci o di pescherecci disonesti, finendo per penalizzare i piccoli pescatori.

Ecco perché la delegazione italiana nei Greens/EFA ha deciso di astenersi, nonostante alcuni aspetti positivi, tra cui quelli che ho introdotto con i miei emendamenti. Mi riferisco, per esempio, alle norme più stringenti sulla pesca ricreativa e in materia di tracciabilità, che valgono anche per il pescato importato da Paesi terzi. O alla possibilità di elevare dazi all’import dagli Stati extra-Ue che non si impegnano contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata. O ancora alle norme volte ad aumentare trasparenza e uniformità dei controlli nei Paesi Ue, visto che a oggi l’80% di questi avviene solo in due Stati membri, ossia Italia e Spagna. Bene poi il fatto che l’installazione delle telecamere a bordo sia finanziata interamente dal Feampa e sia limitata alle imbarcazioni che hanno commesso due o più infrazioni gravi e a una percentuale minima di pescherecci sopra ai 12 metri a grave rischio di non conformità. Se le novità finissero qui, sarei felice per aver contribuito a un testo che tutela i pescatori, soprattutto quelli piccoli e onesti, dalla concorrenza sleale e da oneri burocratici eccessivi. Purtoppo, in plenaria, sono passate delle deroghe, tra cui l’aumento del margine di tolleranza relativo al peso di alcune specie stimato a bordo dai pescatori. In questo modo, il Regolamento apre la porta al rischio che si perda traccia di grandi quantità di pescato, causando grossi danni all’ambiente e favorendo la competitività della grande flotta, a danno dei piccoli pescatori”. Lo dice l’eurodeputata dei Greens, Rosa D’Amato.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.