AstraZeneca. Regimenti (Lega): “Dall’EMA poca chiarezza, mentre arriva stop da Italia, Germania e Francia”

“Chiediamo risposte certe e celeri sull’affidabilità del vaccino AstraZeneca. I cittadini europei sono pronti a vaccinarsi, ma hanno il diritto di essere informati correttamente.

Così, in attesa del parere dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, previsto mercoledì, la somministrazione del vaccino anglo-svedese è stata bloccata dall’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, sull’intero territorio nazionale. Stessa decisione è stata assunta in queste ore da Germania e Francia, che in un primo momento avevano proseguito con l’inoculazione delle dosi del vaccino AstraZeneca, nonostante i diversi casi di morte sospetta registrati. Tra i Paesi che hanno interrotto momentaneamente la somministrazione anche Danimarca, Norvegia, Islanda, Bulgaria, Irlanda e Paesi Bassi”. Così l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti, intervenuta in qualità di coordinatore in Commissione parlamentare europea per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI).

“Ho chiesto all’EMA e all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di fornire informazioni precise in merito all’efficacia dei vaccini sulle varianti – ha riferito Regimenti – e, alla luce degli effetti avversi registrati dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca, se hanno valutato in maniera adeguata i dati clinici dei vaccini, anche in termini di dosaggio. Ma non ho avuto risposte chiare. L’EMA si è limitata a ribadire che il bilancio rischio benefici impone di proseguire la vaccinazione con AstraZeneca. Davvero troppo poco” ha concluso.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.