Fasano (Br).Giornata in memoria delle vittime del Covid, bandiere a mezz’asta al Comune

IL SINDACO ZACCARIA: «GESTO DOVEROSO PER RICORDARE E RINGRAZIARE GLI EROI DI QUESTA PANDEMIA»

Un pensiero per chi non ce l’ha fatta, ma anche per chi combatte ancora la terribile battaglia contro il virus in un letto di ospedale o in trincea, in corsia, per salvare vite umane. 

Fasano partecipa alla Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus che ricorre domani. A mezzogiorno di oggi le bandiere di palazzo di città saranno issate a mezz’asta. 

«È un piccolo gesto che dobbiamo innanzitutto alle vittime, agli ammalati e alle loro famiglie – dice il sindaco Francesco Zaccaria –. Ringrazieremo medici, operatori sanitari, personale amministrativo e i tanti volontari che si stanno impegnando, da oltre un anno, per aiutarci a superare il momento più difficile della nostra storia recente». 

Le limitazioni degli spostamenti dovute alla zona rosse e tutte le prescrizioni sul distanziamento, non consentono cerimonie diverse: «Ma sono sicuro – dice il primo cittadino – che, ciascuno dalla propria abitazione, tutti insieme ci uniremo, idealmente, nel ricordare e ringraziare gli eroi di questa pandemia. L’unione fa la forza. E la forza di un popolo unito non può essere sconfitta. Il senso di responsabilità collettivo e la disciplina ci faranno sentire ancor più comunità. È la prima forma di rispetto che dobbiamo e che possiamo mettere in atto nei confronti di chi non è più tra noi. Senza mai perdere la fiducia, come ho sempre sostenuto: oggi, a nome di tutti voi, di tutta Fasano, questo solenne momento di vicinanza alle famiglie delle vittime del Covid-19 lo sottolineerà con ancora più forza».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.