ZES, CIS E FONDI PER IL SUD, D’ATTIS (FI): “BENE CARFAGNA SU ‘OPERAZIONE CHIAREZZA’. ORA AL LAVORO PER ECONOMIA E LAVORO”

Nota dell’on Mauro D’Attis (Forza Italia), membro della Commissione Bilancio della Camera, a margine dell’audizione del ministro Carfagna.

“Fondi del Sud, finalmente in arrivo “un’operazione chiarezza”: abbiamo saputo oggi, in sede di audizione parlamentare, della volontá del ministro Carfagna di produrre un quadro di chiarezza sulle risorse che effettivamente saranno destinate al Mezzogiorno nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Oggi abbiamo potuto affrontare anche altri due temi di straordinaria rilevanza per il Sud e per la Puglia: le ZES e i Contratti Istituzionali di Sviluppo. Abbiamo condiviso, sulle Zone Economiche Speciali, la necessità del Ministro di riformarle, per quanto siano state una felice intuizione: c’è bisogno di accelerare sul fronte della semplificazione, come chiesto dal tessuto imprenditoriale, per attrarre gli investimenti e consentire una reale e potente crescita infrastrutturale dei porti e dei retroporti. Accanto alle Zes, c’è il tema dei Contratti istituzionali la cui regia è assegnata proprio al Ministero del Sud. Abbiamo avuto conferma dal Ministro Carfagna della loro portata strategica da parte di questo Governo e dalla Abbiamo puntato i riflettori sui Cis della Puglia: su quelli già attivati di Taranto e Foggia e su quelli in attesa di Brindisi, Lecce e Bat. Su questi punti siamo in campo e, soprattutto, lavoreremo per portare le istanze del territorio a livello di Governo nazionale. ZES, CIS e fondi del Recovery sono essenziali per dare al Sud e alla Puglia l’occasione di sviluppo che serviva”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.