COBAS Brindisi, Quaranta:LA ZONA ROSSA NELLE SCUOLE DELLA REGIONE PUGLIA

I Cobas Scuola intendono denunciare pubblicamente le sconcertanti situazioni che si stanno verificando in questi giorni nelle scuole della regione a seguito del passaggio in zona rossa e che vedono coinvolto il personale ATA ed in particolare i collaboratori scolastici.

Nonostante le disposizioni, per una volta molto chiare, previste dal DPCM del 02/03/2021, solo pochi dirigenti scolastici, rispettosi delle norme, hanno organizzato la presenza del personale in turni, assicurando così la presenza necessaria volta a garantire ‘’le attività ritenute indifferibili’’.

Al contrario, in numerose scuole, con circolari od ordini di servizio, si è costretto tutto il personale ATA ad essere presente in unica sede o sono stati lasciati in servizio in presenza nei plessi di pertinenza anche quando non era prevista alcuna attività didattica in presenza.

E’ con rammarico che dobbiamo constatare che anche la zona rossa non è uguale per tutti e che la salute e la vita del personale ATA conta veramente molto poco per tanti dirigenti scolastici.

Per tutto questo, nostro malgrado, ci siamo visti costretti ad intervenire con un atto di diffida ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Brindisi e provincia, al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale della Puglia, al Dirigente Scolastico Provinciale della Provincia di Brindisi a tutela della salute e della dignità di questi lavoratori.

 

COBAS Scuola Brindisi

Confederazione COBAS Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.