BRINDISI.Fp Cgil:NO, AL NOBEL AI SANITARI SI, AL LAVORO STABILE E SICURO NELLA SANITA’ PUBBLICA

Il premio per la Pace sembra quasi una scusa per non guardare la realtà, una sorta di maschera per  camuffare con encomi ulteriori e attribuzioni nuove a seguire ad eroi, angeli, personale ormai stanco  di parole, di non essere valorizzato e implementato fattivamente.  

L’ impressione è che il premio Nobel per la pace sia diventato l’ennesimo dissuasore dalla realtà,  una nuova narrazione poetica che elude dalle responsabilità di tutti.  

Il Nobel dunque come risarcimento, è quello che spetterebbe ora, secondo i proponenti al personale  sanitario italiano?  

Non possiamo non rammentare che sono oltre 400 i morti di COVID19 tra medici, infermieri, oss,  ecc per salvare vite umane.  

Chiediamo come FPCGIL BRINDISI un salario più congruo, turni di servizio equi, carichi di lavoro  conformi, implementazione, valorizzazione e stabilizzazione di tutto il personale precario utilizzato  in pandemia, meritocrazia, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.  

Il Nobel per la Pace ha nel mondo valore politico i sanitari certamente lo attribuirebbero a chi  renderebbe il loro lavoro migliore permettendo loro con professionalità, sempre dimostrata di  prendersi cura delle persone. 

 

IP.POLITICHE SANITARIE FP CGIL BR. SEGRETARIO FP CGIL BRINDISI  CLEOPAZZO CHIARA PANCARZIO TEDESCO


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.