SANZIONI ASL PER MANCATA DISDETTA, FDI: SE ANCHE LOPALCO E’ DISPONIBILE AD ANNULLARLE SI PROCEDA SUBITO CON LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE

“L’apertura dell’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, all’interrogazione del collega Renato Perrini – con la quale chiedeva l’annullamento delle sanzioni che vengono richieste dalle ASL pugliesi per mancata disdetta di visite mediche – ci fa ben sperare per l’iter della proposta di legge presentata dall’intero gruppo per affrancare cittadini stremati già dal Covid da sanzioni che appaiono, in questo periodo particolare, delle vere e proprie vessazioni nei confronti dei cittadini pugliesi alle prese di una sanità regionale che da una parte non dà risposte concrete ed efficienti sulla gestione della pandemia e dall’altra bussa a denari.

“Il collega Perrini era stato il primo a sollevare l’argomento, avendo ricevuto segnalazioni da tarantini che si erano visti recapitare la sanzione per visite mancate che risalivano anche a 10 anni fa, quando per altro le Asl non avevano il servizio di Recall. Come accade oggi anche allora una visita medica poteva essere prenotata molto mesi prima, se non anni, e quindi il richiedente avrebbe potuto non ricordare più l’appuntamento fissato o essere impedito in quel giorno. Non solo, all’epoca non vi era l’adeguata informazione, nessuno diceva che si avrebbe dovuto disdire, né era indicato un recapito telefonico dove farlo.

“La proposta di legge presentata va quindi nell’ottica di dare sollievo a quei tanti cittadini che ormai rinunciano anche a curarsi per difficoltà a pagare il ticket, figuriamoci a pagarne uno per il quale non hanno neppure ricevuto una prestazione. A maggior ragione in questo periodo di pandemia che ha reso le famiglie anche più povere”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.