Oria – Stalking condominiale .condannati in prima istanza dal GIP di Brindisi

Una donna separata (M.P.A. – Maria Pia Andriulo) e il figlio ventiduenne (M.I. – Mattia Infantino) residenti ad Oria (Br) sono stati condannati in prima istanza dal GIP di Brindisi per reato di stalking (art. 612bis cod. pen.).

I due stalker per oltre un anno, hanno reso la vita impossibile ai vicini di casa, causando rumori molesti provocati volontariamente durante tutte le ore dedicate al riposo. Nello specifico, specie durante le ore notturne, si producono schiamazzi, pesanti colpi contro le pareti divisorie delle abitazioni e sbattimento di oggetti sulla pavimentazione, grida feroci e insulti verso altri condomini vicini di casa.

I due sono stati denunciati a più riprese da alcune famiglie che occupano in affitto lo stesso stabile rivolgendosi alla locale caserma dei Carabinieri. Qualcuno ha persino rinunciato alla scomoda convivenza condominiale, chiedendo l’immediata risoluzione del contratto di affitto per giusta causa (Recesso contratto di locazione abitativo per gravi motivi, ai sensi dell’art. 6 della Legge 431/98 e l’art. 27 della Legge n. 392/78), non senza aver subito per un perdurante stato di ansia e di malessere psicofisico generale che ha condizionato il loro stile di vita.

Nonostante la notifica della condanna giudiziaria, i condomini ci fanno sapere che i disturbi notturni non sono ancora cessati.

 

Dott. Cosimo Calò, pubblicista.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.