ORIA: TERRENO AGRICOLO RIDOTTO A DISCARICA CON IL BENESTARE DEL PROPRIETARIO

INTERVENTO SUL FATTO DEI CARABINIERI FORESTALI. MULTATE 3 PERSONE PER COMPLESSIVI 1.800 EURO 

I Carabinieri forestali della Stazione di Ceglie Messapica, di pattuglia nelle campagne di Oria nell’ ambito dei controlli sistematici per il contrasto alla gestione illecita dei rifiuti, hanno colto sul fatto due persone che scaricavano rifiuti speciali (scarti da demolizioni e ristrutturazioni edili) in un terreno agricolo, in contrada Preti, alla presenza del proprietario, evidentemente compiacente.

I rifiuti erano stati in parte già accumulati e dati alle fiamme, segno di precedenti trasporti e scarichi, nel quadro dell’ indecoroso fenomeno dello smaltimento dei materiali di risulta dell’ attività di cantiere edili, attraverso l’ abbandono nelle campagne.

Ai due trasportatori, così come al proprietario del fondo rustico, i Militari hanno notificato un verbale di contestazione di illecito amministrativo, ai sensi dell’ art. 255, comma 1, del Decreto legislativo n. 152 del 2006 (“Testo Unico Ambientale”), per abbandono di rifiuti.

Per ciascuno di loro è prevista una sanzione pecuniaria da 300 a 3.000 euro (600 se pagata entro 60 giorni), ovviamente accompagnata dall’ obbligo di ripulire la superficie.

Il territorio rurale e periurbano di Oria, al pari di quello di Francavilla Fontana, come già riportato in precedenza, sono sotto la massima attenzione dei Carabinieri Forestali, anche attraverso attività di contrasto mirate all’ individuazione dei responsabili della gestione illecita dei rifiuti, che porta come risultato il diffuso degrado ambientale, ormai sotto gli occhi di tutti.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.