Venerdì 26 marzo – “C’è vita dietro le quinte. C’è lavoro dietro le quinte”: Fedas Puglia in Piazza Libertà a Bari

Venerdì 26 marzo dalle 10 in Piazza Libertà a Bari è in programma la manifestazione “C’è vita dietro le quinte. C’è lavoro dietro le quinte” promossa da Fedas Puglia.

?

La sezione regionale della Federazione Aziende dello Spettacolo Italia riunisce circa 60 tra le principali aziende e professionisti pugliesi che noleggiano, progettano e allestiscono strutture e tecnologie per lo spettacolo dal vivo. Non una classica manifestazione di protesta ma una messa in scena della morte del settore, un’installazione con un potente messaggio per sensibilizzare le istituzioni sulla condizione dei service e delle aziende del comparto messe a dura prova dall’emergenza Covid19.

 
«Il blocco del settore spettacolo sta disintegrando anni di sforzi. Manifestiamo perché siamo ormai allo stremo», sottolinea Pino Loconsole, amministratore dell’azienda Lucidiscena e presidente regionale Fedas. «Consapevoli che il momento è difficile per tutti, vogliamo uscire dalle quinte per dimostrare che facciamo parte anche noi della filiera dello spettacolo dal vivo e che vogliamo continuare a lavorare. Abbiamo deciso di farlo alla nostra maniera, mettendo in campo le nostre competenze e la nostra professionalità», prosegue l’imprenditore. «La nostra attività si basa su considerevoli e continui investimenti in tecnologie e in questo periodo, oltre ai costi di gestione ordinaria, stiamo continuando a pagare nonostante la mancanza di commesse e questo aumenta enormemente le nostre difficoltà. Ci auguriamo che le istituzioni decidano di accogliere le nostre istanze e mettere in campo strumenti adeguati al rilancio e sostegno del settore».


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.