Il Cobas Antirazzista di Brindisi commemora Domenica 28 Marzoaffondamento della nave Albanese “Kater I Rades”

Il Cobas Antirazzista di Brindisi commemora Domenica 28 Marzo alle ore 16,30, nell’anniversario dell’affondamento della nave Albanese “Kater I Rades” avvenuto nel 1997 in acque internazionali , le vittime di quella “Strage di Stato” e tutte le vittime per mare e per terra che si sono avute nel corso di questi anni nel tentativo di arrivare in Europa.

L’iniziativa del lancio di fiori in mare sarà accompagnata da una riflessione storica sull’immigrazione del Professore Gigi Perrone di Lecce

Faremo un collegamento telefonico con Krenar Xhavara , superstite della Kater I Rades che perse in quel tragico avvenimento la moglie ed una figlia di 6 mesi.

Intervento anche di Erminia Rizzi, barese,componente  dell’ASGI(associazione nazionale  studi giuridici sulla immigrazione)

L’inutile accostamento sempre più stringente della nave della Marina Militare Italiana “Sibilla” portò al rovesciamento della piccola nave Albanese e la morte di ben 108 persone a differenza delle  82 riportate dalle cronache di quei giorni.

Alla solidarietà della popolazione brindisina del 91 venne contrapposta immediatamente una  politica italiana , già alcune settimane dopo il loro arrivo , fatta di  navi pronte a bloccare chi tentava di scappare .

Quel tragico avvenimento della nave albanese affondata anni dopo ne fu il tragico epilogo.

Da una parte quindi politiche  di respingimento militare  e dall’altra nel corso degli anni  leggi sulla immigrazione sempre più liberticide come la Turco-Napolitano e la Bossi-Fini

Leggi che costringono  persone senza nessuna colpa , se non quella di essere poveri , di essere incarcerati per mesi e mesi nei diversi nomi con cui hanno chiamato i lager di trattenimento.

Addirittura quegli spazi conquistati con le lotte come la fase dell’accoglienza in Italia per i rifugiati vengono fortemente ridotti, gli interventi statali tagliati sempre più.

Ai festeggiamenti del trentennale dell’arrivo degli Albanesi a Brindisi dobbiamo accostare politiche di accoglienza degne di questo nome , altrimenti tutto è ipocrisia.

Sappiamo anche che è importante ricomporre un vasto fronte antirazzista come facemmo negli anni con la Rete Antirazzista nazionale .

Un vasto fronte capace di contrastare quel clima di odio e intolleranza sostenuto pubblicamente  da parte di riconosciuti settori politici .

Per il Cobas Antirazzista di Brindisi Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.