SPID: dal 26 marzo la CGIL Brindisi apre lo sportello per l’identificazione digitale

Dal 1° Marzo 2021, l’Identità Digitale è diventato strumento obbligatorio per accendere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti con un’identità digitale unica. 

Dunque, è partito di fatto l’obbligo di dotarsi dell’Identità Digitale per usufruire per di molti servizi online, conseguentemente tutte le Pubbliche Amministrazioni devono adeguare i propri sistemi per renderli accessibili tramite SPID e CIE (la carta d’identità elettronica).

L’INPS, così come il Ministero del Lavoro e l’Agenzia delle Entrate, si sono già adeguati alla novità, prevedendo la graduale dismissione delle credenziali in uso ed il passaggio allo SPID.

La novità prevista per i Cittadini è che servirà un’unica password per accedere a tutti i Servizi Pubblici, e l’autenticazione tramite SPID viene equiparata all’esibizione di un documento d’identità.

Lo SPID è il “passepartout” che facilita l’accesso dei cittadini ai vari servizi digitali della Pubblica Amministrazione. L’identità SPID è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online, in questo modo si potrà accedere ai vari servizi senza la necessità di acquisire le diverse credenziali previste dai singoli enti. È utilizzabile da computer, tablet e smartphone.

Pertanto, ogni venerdì mattina nella nostra Camera del Lavoro CGIL Brindisi di via Togliatti 42, il Dirigente Sindacale Gabriele GUARINO sarà a disposizione per le operazioni di registrazioni obbligatorie a conseguire lo SPID. A tal fine è necessario prenotarsi telefonando al numero 334/2320766


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.