DECARBONIZZAZIONE – D’ATTIS E LABRIOLA (F.I.) AL MINISTRO CINGOLANI: SUL TURBOGAS ENEL DI BRINDISI SI ACCELERI ITER AUTORIZZATIVO PER L’USCITA DAL CARBONE

I parlamentari di Forza Italia Mauro D’Attis e Vincenza Labriola hanno scritto al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani per sollecitare la conclusione dell’iter autorizzativo relativo alla realizzazione di un impianto turbogas dell’Enel a Brindisi. 

“Proprio Brindisi – fanno rilevare – è pienamente coinvolta nel processo di decarbonizzazione per la presenza, sul suo territorio, della centrale termoelettrica ‘Federico II’ dell’Enel. Il processo autorizzativo per la realizzazione di una nuova centrale a gas (al posto dei gruppi alimentati a carbone), della potenza di 560 megawatt, è fermo dallo scorso mese di agosto proprio presso il Ministero della Transizione Ecologica ed il prolungarsi degli iter autorizzativi rende sempre più difficile giungere alla ‘phase out’ del carbone entro il 2025, con le conseguenze chiaramente immaginabili”.
Da qui la richiesta di intervento del Ministro Cingolani per una attenta verifica della tempistica di tali interventi.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.