Vox Italia:CHIEDIAMO al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, di adeguare anche inPuglia il protocollo delle cure a casa per il Covid-19.

Vox Italia chiede con urgenza pubblicamente ad Emiliano che anche in Puglia si applichi il protocollo di cura a domicilio, alternativo a quello che era stato stabilito dal Ministero ed è stato pure sospeso con l’ordinanza n. 1557/21 del Tar Lazio.

Tanto già si sta già facendo in Piemonte, in Sardegna ed in altre regioni del nord. Il Covid-19 può essere curato nella stragrande maggioranza dei casi dalla medicina territoriale, se lo si fa tempestivamente e nel modo corretto, così evitando ospedalizzazioni e morti!, ed evitando pure di emanare ordinanze illegittime perché limitative della libertà personale, come da ultimo l’ordinanza N. 88 “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19” emanata lo scorso 26 marzo dal presidente della Regione Puglia e  valida sino al 6 aprile 2021.

Occorre che venga per questo privilegiata la presa in carico a domicilio dei pazienti Covid da parte delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, sulla base di un protocollo che preveda, accanto a eparina, steroidi e antibiotici, anche l’utilizzo, nella fase precoce della malattia, dell’idrossiclorochina insieme a farmaci antinfiammatori non steroidei e vitamina D, e questo alla luce del fatto che anche il Consiglio di Stato ne ha consentito la prescrizione (off label) sotto precisa responsabilità e dietro stretto controllo del medico. Va prevista inoltre la possibilità di attivare “ambulatori Usca” per effettuare gli accertamenti diagnostici che siano difficilmente, o peggio, niente  affatto eseguibili al domicilio, ottimizzando così le risorse professionali e materiali disponibili.

Fin dalla prima ondata della “pandemia”, i migliori medici hanno riscontrato sul campo che in molti casi il virus si è potuto combattere molto efficacemente curando i pazienti a casa. Prendendo in carico i pazienti a domicilio si evitano i ricoveri, ma anche le degenze prolungate oltre l’effettiva necessità clinica, di tutti quei malati che invece possono essere curati, in tutta sicurezza, a domicilio, e la cui ospedalizzazione determina invece solo una consistente occupazione di posti letto (con i conseguenti relativi costi a carico della collettività!) e l’impossibilità inoltre di erogare assistenza a chi versa invero in condizioni di salute più gravi a causa di altre patologie di maggiore complessità.

Per risolvere il problema dell’emergenza sanitaria da Covid-19 occorrono interventi in campo sanitario e non nel campo della restrizione delle libertà costituzionali dell’uomo e del cittadino.

Il Coordinatore Regionale per la Regione Puglia di Vox Italia, Avv. Marcello MARIELLA


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.