BRINDISI.LA MORTE DI GIULIO SARCINELLA, IL RICORDO DI ANTONIO CAMUSO.

Il  giorno di   Pasqua, all’ età  di 68  anni, ci  ha lasciato  Giulio Sarcinella, una persona per bene, un uomo che  ha sempre combattuto volendo credere nei propri ideali  e nelle proprie speranze, che, attraverso  la fotografia, ha saputo raccontare  il territorio  e la verità .

  Tra i protagonisti   degli  anni  della contestazione  giovanile    e quindi fotografo  dei movimenti  brindisini di protesta, in queste ore, anche sui social, si evidenziano tante attestazioni  di affetto  e ricordi .

  Di seguito, riportiamo  un  ricordo  di un suo grande amico, Antonio Camuso,  già   pubblicato   su  PugliaAntagonista.it 

Una  Pasqua ingrigita dalla pandemia da Covid-19, resa ancor più triste, qui a Brindisi, dalla notizia della morte di Giulio Sarcinella, diffusore della cultura underground/alternativa negli anni della contestazione giovanile e fotografo dei movimenti di protesta brindisini di quegli anni. Per chi non ha vissuto direttamente quella stagione, il nome di Giulio risulterà sconosciuto a causa del suo carattere riservato, schivo da ogni forma di protagonismo, anche quando era il leader dei “capelloni perditempo” , e degli “ gli yppies  del Banco di Napoli”  come la stampa perbenista e bigotta  della nostra città  li definiva. Neanche nella estrema sinistra Giulio e suoi “cani sciolti” eran visti di buon occhio, ritenuti riferimento  dei fuoriusciti dai gruppi rivoluzionari incapaci di comprendere le esigenze socioculturali giovanili. 

Dietro la sua figura minuta , Giulio Sarcinella celava  un vulcano di idee, spinto dalla voglia di rompere con il provincialismo  di una delle città culturalmente più conservatrici d’Italia. In questa battaglia  di civiltà,  dal 1969 insieme  al suo coetaneo Franco “Ciccio” D’Abramo, cultore della musica pop e rock,  tentarono l’organizzazione del primo festival rock in città, con il supporto di Marcello Baraghini,  e propagandato sulla RAI nazionale, attraverso il programma  dedicato ai giovani,  di Gianni Buoncompagni e Renzo Arbore. Iniziativa  fallita causa” repressione clerico-poliziesca” ma che non  impedì  loro nel proseguire la battaglia culturale, fondando un giornaletto underground “off Limits” che costò a Sarcinella  un paio di denunce per istigazione alla diserzione e  offesa alla religione. 

Nella geografia underground , in Puglia, accanto allo storico “il Buco” di Putignano, si aggiunse quindi negli anni 70 il gruppo di  attivisti yppies e situazionisti brindisini che diffondevano  le pubblicazioni di Stampa Alternativa e  delle riviste situazioniste come Puzz, Geronimo ecc.o i libri dell’Arcana Editrice, spesso soggetti a sequestri. Dietro alla sua figura esile e al suo sorriso disarmante,  vi era anche un uomo capace di gesti di  grande coraggio, come quello del 1974, quando riuscì con un escamotage a salire sul tetto del Credito Italiano e lanciare decine di  volantini antifascisti sulla testa di migliaia di fans di Almirante, riunitisi nella sottostante Piazza Vittoria, per un comizio antidivorzista dell’esponente neofascista. 

Ma oltre alla musica “ribelle” , Giulio coltivava un grande amore : la fotografia, immortalando non solo le lotte della nostra generazione, ma anche volti e momenti di gioia, di vita collettiva di quei giovani brindisini a cui il provincialismo andava  troppo stretto e non si curavano di essere additati come capelloni, drogati, perditempo, ecc.  La voglia di sperimentare  e di essere autonomo  nelle sue scelte di vita lo portò a costruirsi  una  camera oscura nella sua piccola casa popolare,  e nella quale sviluppava i rullini e stampava le sue foto. 

Amante  della Controinformazione  si autoprodusse una tessera di giornalista  “ inviato  speciale di Stampa Alternativa”  con la quale  riuscì  ad infiltrarsi  in convegni e manifestazioni vietate agli “estremisti di sinistra”.  Le sue conoscenze in campo fotografico le volle mettere,  in seguito, al servizio della collettività tenendo il primo corso di fotografia,  nel 1981, presso il Centro Sociale contro l’Emarginazione  giovanile a di Brindisi, in via Santa Chiara, che insieme a Mario Merico li aveva visti fondatori e primi portavoce. Quello del Centro Sociale fu un punto di arrivo per Giulio dopo una lunga  stagione costellata di poche gioie e molte delusioni, alternata da un riuscito festival rock a Martina Franca  nel 1973  e poi l’esperimento in quel territorio di una comune agricola, ma anche il dilagare delle droghe pesanti tra i giovani brindisini , compresi quelli che avevano in Giulio il loro punto di riferimento. Insieme a Mario Merico, nel 1979, la battaglia per  sensibilizzare la classe politica brindisina sulla necessità dell’istituire un presidio giovanile socioculturale per prevenire i fenomeni di emarginazione, causa del dilagare dell’eroina in città.

Dopo la nascita del Centro Sociale,  ed aver partecipato all’occupazione  della struttura di Restinco per adibirla a comunità di recupero, Giulio ritornò a vivere  in campagna, lontano  dai clamori cittadini, preferendo il contatto con la natura e la cura amorevole di decine di gatti che lo hanno seguito nelle sue peregrinazioni.  Tra coloro che gli han dato  una piccola mano per sopravvivere economicamente, spicca una figura su i generis: il compianto fotografo brindisino Armando Muraglia, radioamatore.  Li si vedeva, sin che  Armando era vivo, esporre insieme  oggetti vintage nei mercatini dell’usato, cosa che poi ha continuato insieme a vecchi compagni,  sino a l’anno scorso. Ciao Giulio, il nostro augurio che ora tu possa  finalmente accudire i tuoi gattini senza  apprensioni e possa continuare ad esserci idealmente vicino nelle nostre comuni battaglie di civiltà, con la tua macchina fotografica a tracolla.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.