BRINDISI.Campagna vaccinale: sabato 17 aprile centri aperti per 71enni e 70enni, domenica 18 aprile per i 69enni.

Nella Asl di Brindisi proseguono sabato 17 e domenica 18 aprile le vaccinazioni con AstraZeneca, che è riservato a persone che non siano in condizione di estrema fragilità o disabilità grave. 

Sabato è il turno dei cittadini nati nel 1950 e 1951 (71 e 70 anni di età), mentre domenica verranno vaccinati i nati nel 1952 (69 anni). È possibile presentarsi con o senza prenotazione nei centri attivi sul territorio.

Per gli utenti con patologie, per i quali sono più indicati i vaccini Pfizer o Moderna, saranno riprogrammate altre giornate.  

I centri aperti sabato 17 aprile sono: PalaVinci a Brindisi, palazzetto dello sport a Ceglie Messapica, Conforama a Fasano, palestra della scuola De Amicis a Francavilla Fontana, palestra scuola Falcone a Mesagne, scuola primaria a San Donaci. Sabato i centri sono aperti dalle 9 alle 14 e dalle 15 alle 19, tranne Ceglie Messapica, Fasano-Conforama e Francavilla Fontana operativi solo la mattina.

I centri aperti domenica 18 aprile sono: PalaVinci a Brindisi, palazzetto dello sport a Ceglie Messapica, Conforama a Fasano, palestra della scuola De Amicis a Francavilla Fontana, scuola primaria a San Donaci. Domenica i centri sono aperti dalle 9 alle 14 e dalle 15 alle 19, tranne Ceglie Messapica, Fasano-Conforama, Francavilla Fontana e solo la mattina.

Chi ha già effettuato l’adesione sul sistema “La Puglia ti vaccina”, avrà un accesso prioritario nel giorno e nella fascia oraria programmati. 

Per gli over 80 e altre specifiche categorie in calendario per la prima o la seconda dose restano validi orari e centri indicati nella prenotazione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.