Vaccini. Laricchia (M5S): “Ricalendarizzare al più presto l’audizione dell’avvocato La Scala sull’attività ispettiva svolta dal NIRS”

Siamo al 21 maggio e da parte della III Commissione non è ancora arrivata la nuova convocazione dell’audizione del coordinatore del NIRS, l’avvocato Antonio La Scala, che aveva chiesto di essere convocato, possibilmente nelle settimana tra il 19 e il 25 maggio.

Per questo chiedo al presidente della Commissione di calendarizzare al più presto l’audizione da me richiesta,  per capire cosa sia emerso dall’ispezione amministrativa svolta dal Nirs sugli  elenchi dei vaccinati fino al 15 febbraio e dall’analisi delle banche dati dello stesso periodo e se si stiano analizzando anche gli elenchi della seconda fase delle vaccinazioni destinate agli operatori scolastici, specie alla luce di quanto leggiamo oggi dai giornali su 8 dipendenti AqP che avrebbero ricevuto il vaccino perché inseriti nell’elenco degli insegnanti”. Lo dichiara la consigliera del M5S Antonella Laricchia. 

“I cittadini – continua Laricchia – hanno  il diritto di sapere a che punto sia l’attività ispettiva svolta dal NIRS e quali saranno i prossimi passaggi. È indispensabile fare chiarezza, anche alla luce dei ritardi e dei problemi che si stanno avendo per le vaccinazioni degli ultraottantenni a domicilio, dei pazienti disabili e dei fragili, per cui anche oggi i sindacati dei medici  della Puglia hanno scritto alla Regione lamentando la scarsa distribuzione delle dosi. Una situazione per cui avevo presentato una interrogazione all’assessore Lopalco che aveva fornito generiche rassicurazioni, a cui evidentemente non sono seguiti i fatti


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.