COVID, FRATELLI D’ITALIA CHIEDE COMMISSIONE DI STUDIO SU MORTI IN PUGLIA

La Puglia è fra le Regioni italiane che ha registrato in questa pandemia un triste record: la mortalità per Covid. Sempre molto alta fin dall’inizio, tanto da aver più volte cercato di richiamare l’attenzione anche del Ministro della Salute, Roberto Speranza, e dell’allora premier Giuseppe Conte, ma che ha visto tra marzo e maggio scorsi fare della Puglia la seconda regione in Italia, ad aprile è stata addirittura la prima.

Dati certificati a livello nazionale dagli organismi preposti, non pretestuose cifre date da una forza di opposizione: 6428 pugliesi sono morti di Covid e le loro famiglie, ma tutta la Puglia ha il diritto di sapere se qualcosa nella gestione della pandemia è andata storto.

“Per questo motivo abbiamo proposto una legge per l’istituzione di una Commissione di studio regionale per la mortalità da Covid-19 sul territorio regionale. Volutamente denominata di ‘Studio’ e non d’inchiesta perché il nostro obiettivo è quello di studiare l’andamento della mortalità da Covid 19 fino a maggio 2021, studiare le criticità, nelle scelte che hanno portato a prestare assistenza e cure ai pazienti risultati positivi al Covid-19 presi in carico, e arrivati in ospedale già con gravi complicazioni in ambienti e strutture improvvisate come tende e container, esponendo i pazienti e il personale sanitario e parasanitario a ulteriori rischi e disagi. Nella convinzione è doveroso garantire la piena e doverosa trasparenza su vicende che hanno riguardato migliaia di famiglie e di operatori sanitari.

 

PDL COMMISSIONE DI STUDIO MORTI COVID

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.