Concluso il Corso di Formazione sugli aspetti naturalistici del Parco – Invaso del Cillarese

Una visita guidata domenica scorsa, organizzato da Ekoclub Brindisi, in collaborazione con il CSV POIESIS e in sinergia con il Consorzio Asi e altre associazioni ambientaliste . Video Interviste .

Il mondo del volontariato è una grande risorsa per la comunità, i territori, le stesse istituzioni, ma ha bisogno, per essere consolidato e valorizzato ulteriormente, della giusta e idonea formazione, informazione, elementi fondamentali per le professionalità e competenze, chi deve praticamente operare sul campo .

SI è concluso, con una visita guidata domenica scorsa presso uno dei patrimoni più importanti della città di Brindisi e il territorio, il Corso di Formazione sugli aspetti naturalistici del Parco – Invaso del Cillarese, organizzato da Ekoclub Brindisi, in collaborazione con il CSV POIESIS Brindisi – Lecce e in sinergia con il Consorzio Asi e altre associazioni ambientaliste.

Il Parco – Invaso del Cillarese è appunto un patrimonio verde che va conosciuto ulteriormente, salvaguardato, anche e soprattutto in una prospettiva che possa vedere una completa fruizione da parte della comunità brindisina, e non solo . In questo contesto, tra l’ altro, esistono progetti già presentati alcuni anni fa dal Consorzio Asi, proprietario dell’ Invaso del Cillarese .

Ma intanto,soprattutto nella stagione estiva, è di fondamentale importanza salvaguardare questo immenso patrimonio dai reati e azioni che vengono messe in atto da chi non vi potrebbe accedere, dagli incendi boschivi . Per questo, si è posta la necessità di un approfondimento delle tematiche ambientali, perché “coloro che operano in quel territorio possano provvedere ad una attività di vigilanza, formazione e di informazione“.

Le Guardie Volontarie Ekoclub Brindisi, da diversi anni, ben coordinate dal Presidente dell’ Associazione Clemente Carlucci e il Direttore Tecnico e Coordinatore Nazionale del settore Angelo Pomes, operano , per conto del Consorzio Asi, all’ interno dell’ Invaso del Cillarese, nel servizio anti incendio e quindi in tutte le attività di prevenzione di reati o anomalie che possono danneggiare la tutela ambientale, la sicurezza .

Ogni forma, strumento di tutela e salvaguardia ambientale, e di conoscenza di un patrimonio che ci circonda e riguarda molto da vicino, non può prescindere dalla sinergia e condivisione, la formazione, una giusta e diretta comunicazione , nel virtuoso parallelismo centralità dell’ uomo – ambiente – ha dichiarato il Presidente di Ekoclub Clemente Carlucci , patrimoni, da sempre, dell’ azione di Ekoclub International che, tra l’ altro, da diversi anni, ha un rapporto di stretta collaborazione con il Consorzio Asi Brindisi , prestando , con le proprie Guardie Volontarie, servizio di vigilanza per la prevenzione e l’ avvistamento degli incendi boschivi, la salvaguardia degli habitat naturali, del patrimonio boschivo e floristico .

Questo nostro coinvolgimento, oltre naturalmente a consolidare il ruolo fondamentale per la comunità e il territorio del volontariato, è sicuramente contestualizzato agli obiettivi già messi in campo dall’ Amministrazione Comunale di Brindisi e le istituzioni per valorizzare ulteriormente , insieme alle altre associazioni , le aree e patrimoni verdi della città e il territorio“.

Il corso di formazione ha coinvolto anche i volontari delle associazioni Proloco Brindisi, FARE VERDE e altre associazioni ambientaliste, ed ha visto, in termini di condivisione e di proposte, validi contributi ed interventi da parte dell’ Assessore all’Ambiente del Comune di Brindisi e di dirigenti ASI. Nella nota stampa diramata dall’ Ekoclub Brindisi, sono stati messi in risalto gli obiettivi dell’ iniziativa, tra cui “fornire le competenze tecnico-pratiche per intervenire attivamente nel processo di tutela delle aree verdi , fornire agli operatori le metodologie teorico pratiche volte alle attività di ricognizione, avvistamento, allarme e lotta attiva contro gli incendi boschivi, sviluppare competenze di tipo relazionale e comunicativo al fine di essere in grado di presentare al pubblico un’offerta culturale riguardante gli aspetti ambientali del nostro territorio“.

E poi, dopo le varie lezioni a distanza e incontri su piattaforme on line, il clou con la visita guidata, condotta e coordinata dalla dott.ssa Paola Pino D’Astore, biologa, con osservazioni sulla morfologia dell’abitat e sulle specie faunistiche presenti nell’invaso del Cillarese , Ecosistema acquatico, Vegetazione sommersa e isolotti emergenti.

Foto Marcello Altomare

Video Interviste a Clemente Carlucci – Presidente Ekoclub Brindisi, Paola Pino D’ Astore – Biologa , Cesare Mevoli Associazione FARE VERDE


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.