PCI Brindisi:LA DIFFICOLTÀ NEL TROVARE SCHIAVI.

Dall’anno scorso cominciavano ad apparire su giornali e siti di informazione i moniti degli imprenditori a lavoratori e disoccupati “dopo tutto ciò (pandemia) non vi sognate di venire a chiedere quante ore si lavora, quando è il giorno libero e quanto vi paghiamo”.

Arrivati a maggio ed ora a giugno sono una moltitudine i vergognosi articoli dove si parla di padroni che, a loro dire, non riuscirebbero a trovare personale. 

Eppure le riforme per la liberalizzazione del mercato e la precarizzazione del lavoro hanno prodotto tanti strumenti per trovare manodopera a basso costo e per dare flessibilità alle aziende, il potere di disporre delle vite dei lavoratori come meglio credono con pochissimi, se alcuni, doveri nei loro confronti. Vi sono incentivi per assumere i giovani, stage formativi usati come escamotage per pagare di meno i lavoratori, abusati anche per le più semplici delle mansioni.

Non è mai abbastanza, non si troverebbe il personale, dicono questi signori e si da la colpa alla “svogliatezza” ed al RDC. Sia chiaro, il RDC è un mezzo che abbiamo sempre criticato poiché non è una soluzione, ma bisogna farsi delle domande:

è così impensabile che una persona scelga il RDC invece che farsi sfruttare per un salario bassissimo, per orari impensabili, senza alcuna prospettiva di miglioramento o almeno di continuazione del rapporto lavorativo, tutto per arricchire qualcun altro? 

In questa società importano solo i piani ed i sogni di una classe sociale, quella padronale. Un lavoratore/aspirante lavoratore non può nemmeno chiedere quanto sarà pagato, quando sarà il giorno libero, per potersi pianificare un minimo la vita.

È chiaro che in questo sistema la classe lavoratrice viene vista unicamente come mezzo per creare la ricchezza padronale.

Visto che i lavoratori sono la maggioranza e producono tutti i beni ed i servizi, chiediamo:

è proprio necessaria la sopravvivenza dell’imprenditoria e del capitalismo?

È normale tenere in vita forzatamente un sistema individualista in continua crisi che per sopravvivere deve sfruttare sempre più?

Noi diciamo che i lavoratori senza i padroni possono costruire un futuro migliore, degli esempi la storia ce li ha già dati, l’Unione Sovietica con un sistema collettivista era tra le due prime potenze mondiali.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.