PUGLIA: ISMEA METTE ALL’ASTA 74 TERRENI PER QUASI 1.600 ETTARI

C’è tempo sino al 7 settembre per poter partecipare al quarto bando d’asta indetto da Ismea, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Con la “Banca nazionale delle Terre Agricole”, istituita nel 2016, vengono messi a disposizione oltre 16mila ettari, 624 aziende agricole, il 70% al Sud.

Di questi, 74 terreni sono in Puglia con una superficie complessiva di 1.593 ettari – dichiara il deputato pugliese Gianpaolo Cassese, esponente M5S in commissione Agricoltura alla Camera – Si tratta di un’opportunità da cogliere soprattutto per i giovani: agli imprenditori agricoli under 41 viene, infatti, concessa la possibilità di pagare il prezzo del terreno a rate per un massimo di 30 anni”.
 
La provincia con più terreni a disposizione è quella di Foggia con 27 appezzamenti (506,5 ettari), seguita da Brindisi con 15 (246 ha) e Taranto con 14 (413 ha). Poi Bari con 8 terreni (65 ha), la Bat con 6 (339,5 ha) e, infine, Lecce con 4 appezzamenti (23 ettari). Dalla sua istituzione a oggi la Banca ha messo in vetrina 530 terreni, per un totale di 15.478 ettari: di questi, 8.345 ettari sono stati aggiudicati, con un incasso di 84 milioni di euro destinati a sostenere, per legge, nuovi interventi in favore dei giovani. È possibile consultare tutti i terreni su www.ismea.it/banca-delle-terre


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.