San Michele Salentino (Br).LE OPERE D’ARTE DI STEFANO CAVALLO E IL PATRIMONIO CULTURALE DELLA PINACOTECA TORNANO ALLA LUCE PER IL GRANDE PUBBLICO

SARA’ IL PROF. LORENZO MADARO A RIALLESTIRE E INAUGURARE LA COLLEZIONE CIVICA

 

L’Amministrazione comunale ha individuato nel docente di storia dell’arte all’Accademia delle Belle Arti di Catania e critico d’arte, il professionista che si occuperà di valorizzare il polo culturale intitolato allo scultore e abile scalpellino del paese Salvatore Cavallo

E’ il prof. Lorenzo Madaro il professionista che si occuperà di riallestire e rendere fruibile al pubblico la Pinacoteca comunale “Salvatore Cavallo” dopo i lavori di riqualificazione. Docente di storia dell’arte presso l’Accademia delle Belle Arti di Catania, critico d’arte, giornalista de “La Repubblica” e storico dell’arte, con pluriennale esperienza nel campo, Madaro lavorerà fino al prossimo settembre per valorizzare il patrimonio artistico donato dalla volontà e generosità del prof. Stefano Cavallo (figlio di Salvatore Cavallo al quale è intitolata la Pinacoteca) artista e collezionista di San Michele Salentino, scomparso nel 1996. 

Della ricca collezione, che comprende una sezione monografica dell’artista e di artisti suoi coevi (Riccardo Licata, Ernesto Treccani, Nicola Andreace, Giulio Turcato e Sante Monachese per citarne alcuni), con opere risalenti agli anni ’50-’80 circa, ampliatasi negli anni, sarà fatta una scelta accurata per realizzare una mostra preliminare nella prima settimana di agosto.

Una ripartenza significativa per la Pinacoteca Comunale che avviene dopo i lavori di riqualificazione della struttura grazie al finanziamento della Community Library e vari investimenti dell’Amministrazione, così commentato dall’assessora alla cultura, Rosalia Fumarola: “La Pinacoteca ‘Salvatore Cavallo’ è uno dei luoghi più significativi per la cultura del nostro paese, all’interno della quale ad oggi, sono collocate un numero considerevole di opere pittoriche e scultoree, donate generosamente dal professore e artista di merito nazionale e internazionale Stefano Cavallo.  La collezione civica rappresenta la memoria della collettività, in cui tutti i cittadini della nostra comunità devono sentirsi parte costitutiva di una identità timbrica del nostro territorio. Per questo motivo la valorizzazione e la tutela del patrimonio culturale è una delle priorità imprescindibile. Ripartiamo così dalle nostre solide basi, perché l’arte e i paesaggi che ci caratterizzano sono elementi che sempre più spesso si stanno facendo strada tra le scelte di mete di interesse turistico, ed è per questo che conviene perseguire in questa direzione. Creare quindi, una maggiore attrattiva sociale, cultuale ed economica è un investimento per il futuro. E’ con immenso piacere che diamo avvio a una nuova e parziale inaugurazione della collezione civica a cura Prof. Lorenzo Madaro al quale vanno la mia stima e i miei auguri”. 

Biografia. Lorenzo Madaro è curatore d’arte contemporanea. Dopo la laurea magistrale in Storia dell’arte ha conseguito il master di II livello in Museologia, museografia e gestione dei beni culturali all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È critico d’arte dell’edizione romana de “La Repubblica” e di “Robinson”, settimanale culturale del quotidiano Repubblica. Collabora anche con Arte Mondadori, Artribune, Espoarte, Atp Diary e altre riviste ed è consulente del Polo biblio-museale di Lecce per attività curatoriali e di comunicazione. 

Nel 2021 è stato membro della commissione di selezione del Premio Termoli, insieme a Giacinto Di Pietrantonio, Alberto Garutti e Paola Ugolini, a cura di Laura Cherubini, e nello stesso anno Advisor del Premio Oliviero curato da Stefano Raimondi. Nel 2020 è stato tra gli autori ospiti del Festival della letteratura di Mantova, con un intervento incentrato su alcune lettere inedite di Germano Celant dedicate a due artisti italiani degli anni Sessanta, Umberto Bignardi e Concetto Pozzati. 

Tra le mostre recenti curate o coordinate, Gianni Berengo Gardin. Vera fotografia (Castello, Otranto 2020); Umberto Bignardi. Sperimentazioni visuali a Roma (1963-1967) (Galleria Bianconi, Milano 2020); Silenzioso, mi ritiro a dipingere un quadro (Galleria Fabbri, Milano, 2019); ‘900 in Italia. Da De Chirico a Fontana (Castello di Otranto, 2018); To Keep At Bay (Galleria Bianconi, Milano 2018); Spazi igroscopici (Galleria Bianconi, Milano 2017); Mario Schifano e la Pop Art italiana (Castello Carlo V, Lecce, 2017); Edoardo De Candia Amo Odio Oro (Complesso monumentale di San Francesco della Scarpa, Lecce, 2017); Natalino Tondo Spazio N Dimensionale (Galleria Davide Gallo, Milano, 2017); Andy Warhol e Maria Mulas (Castello Carlo V, Lecce 2016), Principi di aderenza (Castello Silvestri, Calcio – Bergamo 2016), Leandro unico primitivo (promossa dal Mibact in diversi musei pugliesi, 2016); Spazi. Il multiverso degli spazi indipendenti in Italia (Fabbrica del Vapore, Milano 2015). 

È direttore artistico del progetto europeo CreArt. Network of cities for artistic creation per il Comune di Lecce. Ha pubblicato diversi cataloghi, saggi e contributi critici su artisti del Novecento e della stretta contemporaneità e insegnato Storia dell’arte contemporanea, Fenomenologia delle arti contemporanee e Storia e metodologia della critica d’arte all’Accademia di Belle Arti di Lecce. Ha, recentemente, curato il volume Christian Boltanski-Shay Frisch per Skira editore.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.