AEROPORTO BRINDISI, CAROLI (FDI): ENAV VUOLE TRASFERIRE LA SEDE A ROMA. LA REGIONE NON BATTE CIGLIO E TACE SUL FUTURO DI TANTI LAVORATORI PUGLIESI

“L’Enav, la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia, avrebbe intenzione di trasferire a Roma l’unico Centro di Controllo d’Area del Sud Italia che si trova a Brindisi.

Per questo ho presentato un’interrogazione al presidente della Regione, Emiliano, e all’assessore ai Trasporti, Maurodinoia, per sapere cosa intendono fare per impedire che avvenga questo trasferimento che, come denunciato dalle organizzazioni sindacali di Brindisi, avrà un notevole impatto sull’economia regionale e sul futuro dei lavoratori pugliesi, che potrebbero vedere gli organici dimezzati e demansionati, vale a dire con stipendi più bassi che vorrà dire famiglie pugliesi con un bilancio più povero. Un depauperamento socio-economico che non pu? essere ricompensato da quelle di realizzare in futuro un HUB di Torri Remote, cos? come ha promesso l’azienda.

“Tutto questo non pu? avvenire nel silenzio della Regione Puglia, per questo l’interrogazione non serve solo a sollevare il caso, ma a fare in modo che venga intrapresa, in modo sinergico e trasversale, un’azione che impedisca all’Enav di trasferire l’importante opera.”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.