Di Bari (M5S): “Grazie ai pugliesi che hanno rispettato le regole. Ripartire tenendo alta la guardia”

Nota della capogruppo del M5S Grazia Di Bari. 

Finalmente, la Puglia è in zona bianca. Da oggi le restrizioni sono ridotte al minimo. Se i pugliesi ce l’hanno fatta devono ringraziare innanzitutto se stessi per l’attenzione e il rispetto delle regole che hanno saputo mantenere. Poi, un ringraziamento costante va rivolto, ancora una volta, agli operatori sanitari, in prima linea nella lotta al Covid. La speranza è quella di tornare alla normalità anche per loro. Oggi dobbiamo porci l’obiettivo di ripartire, sempre tenendo alta la guardia. Le vaccinazioni proseguono, la pandemia è ancora in corso, le restrizioni sull’uso della mascherina, sull’igienizzazione delle mani sul divieto di assembramento, sia all’aperto che al chiuso, sono ancora presenti. Però guardiamo al lato positivo: stiamo ripartendo, i riti più importanti e più leggeri possono riprendere certezze. Penso a chi ha rimandato di due anni il matrimonio o a quei giovani che possono finalmente concludere il proprio percorso religioso, con le cresime o le comunioni. Penso anche a chi è tornato a laurearsi in presenza o a chi lo farà, a chi potrà festeggiare un compleanno o un anniversario. Servirà ancora dotarsi dei documenti necessari: il certificato della vaccinazione (per chi l’ha fatta), il certificato di guarigione o il tampone negativo. Ci manca solo l’ultimo scoglio. Per tornare a ballare e ad abbracciarsi ci vorrà ancora del tempo. Dipende da come proseguirà la lotta al virus: oggi il suo morso ha colpito meno di mille italiani. Non succedeva da settembre scorso. Ce la faremo. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.