BRINDISI.Risultati sit in cobas Cerano

Il Sindacato Cobas di Brindisi ha svolto il programmato   sit in di Mercoledì 16  Giugno alle ore 14,30 davanti i cancelli della centrale Enel “Federico II” alla presenza di tantissimi lavoratori che si sono fermati ad ascoltare l’intervento del referente Cobas, Roberto Aprile.

Il risultato dell’incontro è stato quello di chiedere un incontro alla Prefettura di Brindisi per Venerdì 2 Luglio alle ore 15,30 dove in delegazione chiedere il sostegno alla richiesta di incontro Romano effettuato dal Cobas .

L’accorato appello del Cobas  di mobilitarsi   per svolgere  l’incontro a Roma al Ministero dello sviluppo economico e successivamente al Ministero della transizione ecologica ha trovato la piena adesione dei lavoratori presenti, coscienti della difficoltà del momento.

Al deserto di politiche sindacali e politiche i lavoratori hanno contrapposto la volontà di  reagire costruendo un fronte unico dei lavoratori di Cerano perchè hanno compreso bene che  il tempo ormai è scaduto; dobbiamo muoverci in modo forte e significativo per tentare di recuperare il tempo perso hanno ripetuto più volte.

Al Ministero dello sviluppo economico come prima richiesta chiederemo un ammortizzatore sociale della durata di 7 anni per poter mandare in pensione il maggior numero di lavoratori possibile.

Il Cobas nell’incontro richiesto con il Ministero della transizione ecologica continuerà ad insistere con il suo programma per il settore della energia che è fatto della bonifica del sito ,che porterebbe lavoro per anni tra l’altro, di centri di ricerca e vigorosi investimenti per le rinnovabili che possono produrre una occupazione che dura nel tempo; altro che le poche decine di lavoratori con il gas , soluzione dannosa peraltro per l’ambiente e con  tempi di costruzione estremamente limitati e significativi .

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.