ON. VALENTINA PALMISANO(M5S) “Condivisibili le proteste dei titolari delle discoteche. Occorre fissare sin da subito la data per la riapertura”

Proteste dei titolari delle discoteche condivisibili. Il Governo indichi in tempi rapidi date e modalità per la ripartenza delle loro attività». L’On. Valentina Palmisano (Movimento Cinque Stelle) torna a chiedere un interessamento concreto per il settore dell’intrattenimento.«Solo pochi giorni fa alla Camera dei Deputati, è stato approvato un mio ordine del giorno che impegnava il Governo, con tempestività, ad una calendarizzazione per la riapertura di queste attività rimasta escluse dal precedente Decreto.

A distanza di due settimane, purtroppo- spiega l’on. Palmisano- nessun passo avanti è stato compiuto a tutela non solo degli operatori di questo settore, tra discoteche e sale da ballo, ma di un intero indotto legato a queste imprese». Risposte attese da Nord a Sud della Penisola. «Le organizzazioni di categoria hanno già predisposto un primo protocollo per riaprire in sicurezza. Ora è necessario che il Governo, al termine del confronto con il Comitato Tecnico Scientifico, possa definire le misure adeguate a coniugare l’emergenza sanitaria con le istanze degli stessi titolari delle attività. E fissare una data certa è sicuramente – conclude la parlamentare pugliese- il primo elemento fondamentale, utile anche a pianificare la ripartenza di questo settore, che vorrei sottolineare è praticamente fermo da 11 mesi. Intere famiglie, ma anche tanti imprenditori seri con i loro dipendenti, che dall’agosto del 2020 vivono nell’ assoluta incertezza e precarietà lavorativa. E’ giunto il momento di dimostrare davvero la presenza dello Stato anche per questo settore


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.