Idea Per Brindisi:“ I Brindisini non meritano bugie”

È dato sapere che è volontà dell’Amministrazione comunale procedere all’acquisizione del compendio immobiliare e delle pertinenti aree di cui, fino a qualche decennio fa, ne faceva parte l’ex parco di Babylandia, con la prospettiva di recupere a fini turistici gli immobili ivi esistenti.

L’operazione che ha in mente il Sindaco Rossi riguarda l’acquisizione del bene al patrimonio comunale a titolo non gratuito, ovvero una procedura che permetterebbe lo scambio del bene in questione con altro di pari valore.

Riguardo all’aspetto prettamente teorico, la strategia che s’intende adottare per perseguire l’obiettivo è senz’altro degna di considerazione, ma relativamente a quello pratico, questa desta non poco ottimismo soprattutto in termini di realizzazione.

Nel 2017 la proprietà dell’ex parco di Babylandia formulò al Comune di Brindisi un progetto di riqualificazione del complesso, prevedendo la realizzazione di edifici con destinazione turistico/residenziale. L’Amministrazione ritenne di negare la concessione del permesso di costruire, motivando che la vocazione ad uso residenziale prevista dallo stesso progetto non era compatibile con le zone tipizzate come F nello strumento urbanistico vigente. 

Nel piano regolatore l’area di cui trattasi è qualificata più esattamente come F4 – zona sanitaria, alberghiera o sportiva – impedendo, dunque, la realizzazione di insediamenti residenziali o altri che non siano compatibili con quella specifica destinazione. 

Le domande che ci si pone sono le seguenti: cosa s’intende per recupero dei manufatti a fini turistici? La destinazione prevista sarà compatibile con le previsioni del vigente strumento urbanistico? O invece sarà necessaria una valutazione preliminare che porterebbe ad una modifica, seppur parziale, del vigente piano regolatore? In fine, quale sarà il bene comunale di pari valore come corrispettivo? 

È una idea questa che deriva dalla lungimiranza dell’Amministrazione, o e’  l’inizio di una lunga campagna elettorale fine  a sé stessa, che ha come scopo solo quello di garantirsi l’autosostentamento per i prossimi 2 anni di governo cittadino e la vendita di fumo per i prossimi anni.

Staremo a vedere.

 

Giampiero Campo – componente esecutivo Idea per Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.