Pnrr, D’Amato (Greens/EFA): “Commissione Ue boccia il piano del governo sull’ex Ilva, no fondi Ue per lo stabilimento”

“La Commissione europea ha bocciato il piano del governo per l’ex Ilva. Nella nuova versione del Pnrr, infatti, non c’è più il progetto, previsto dalla bozza inviata a Bruxelles, per la produzione dell’acciaio con altoforno a carbone e attraverso DRI con metano e fusione in un forno elettrico.

Con il Recovery plan, l’Italia potrà finanziare solo un progetto di R&S&I per studiare ‘la produzione acciaio di idrogeno verde basata sull’elettrolisi e quindi fonti energetiche rinnovabili’. Niente gas naturale, ma solo eolico o solare, in altre parole. Si tratta di una modifica sostanziale, che chiude la porta all’uso dei fondi Ue per azioni di greenwashing a Taranto, e che arriva in seguito alla lettera che abbiamo inviato alla Commissione europea con il mio gruppo parlamentare, i Greens/EFA. Questa modifica fa il pari con un’altra battaglia che abbiamo vinto a Bruxelles, quella sul Just Transition Fund, che non potrà essere utilizzato per progetti che prevedono l’uso di fonti fossili. Se il governo italiano vorrà continuare con il suo piano scellerato per l’ex Ilva, dunque, dovrà farlo con risorse nazionali, e non con fondi Ue. La battaglia non è ancora vinta anche alla luce della odierna decisione del Consiglio di Stato di annullare la sentenza del Tar di Lecce. Non molleremo su nessun fronte, né col Governo italiano nè con la Commissione europea, chiedendo che Bruxelles dia seguito una volta per tutte alla procedura d’infrazione sull’ex Ilva deferendo l’Italia alla Corte di giustizia Ue. L’Europa del Green deal e della transizione ecologica non può fermarsi ai cancelli dello stabilimento di Taranto. Anzi, è proprio qui che si gioca una delle partite più importanti per il futuro dell’Ue”. Lo dice l’eurodeputata del gruppo Greens/EFA, Rosa D’Amato.  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.