BRINDISI.Istanza di accesso alla misura regionale dei “ Contratti di Programma “.Forti preoccupazioni delle RSU, e le Segreterie territoriali della Femca Cisl, Filctem Cgil, e Uiltec dello stabilimento Jindal Films

Le RSU, e le Segreterie territoriali della Femca Cisl, Filctem Cgil, e Uiltec dello stabilimento Jindal Films Brindisi, esprimono forti preoccupazioni per i continui ritardi burocratici degli enti preposti della Regione  Puglia, in merito all’istanza di accesso alla misura regionale dei “ Contratti di Programma “, per la  realizzazione di un nuovo progetto di Investimenti.  

La Società Jindal Film Brindisi, ha presentato il nuovo progetto in data 22/12/2020, attraverso l’apposita  piattaforma regionale. Il progetto prevede l’istallazione di nuove linee di produzione, spinte alla  realizzazione di nuovi prodotti plastici riciclabili che si sposano in maniera perfetta con il piano Nazionale  di Transizione Ecologica. Oltre alle linee di produzione, il progetto prevede anche un piano di  efficientamento energetico, attraverso le energie rinnovabili, che completato proietterebbe lo  Stabilimento di Brindisi ad essere sicuramente un riferimento del settore in Europa. 

Tutto questo, può essere vanificato se i ritardi burocratici dovessero permanere. A nulla è valso un  documento con una richiesta d’incontro, inviato alla Regione Puglia in data 23/04/2021 a firma delle  Segreterie Confederali, Federazioni di Categoria, RSU e Associazione Datoriale ( Confindustria ).  Purtroppo siamo ancora in attesa di risposte. 

Non possiamo non prendere atto, come il nostro territorio, a fronte di una storica emergenza  occupazionale, che il periodo di pandemia ha messo ancor più in evidenza, non può certamente  permettersi il lusso di perdere questa grande opportunità di sviluppo. 

La realizzazione di questo nuovo investimento, che oltretutto per il tipo di materiale che si andrebbe a  produrre, richiederebbe la sinergia con altre importanti aziende del territorio ( Eni Versalis,  Lyondell/Basell ), può essere lo spartiacque per lo Stabilimento Jindal Films di Brindisi. 

Il tempo stringe, la competizione esterna al Gruppo si sta organizzando da tempo. Il mercato globale  impone regole spietate e scadenze oggettive. Lo scenario che si potrebbe configurare nel breve, è che il  progetto venga dirottato in altre Nazioni Europee. 

Non vorremmo mai arrivare a denunciare come la “ macchina burocratica “ abbia contribuito alla non  realizzazione di un progetto d’investimento così importante. In quel caso ogni attore di questa vicenda ,  si dovrà assumere le proprie responsabilità. 

Confidiamo nella sensibilità e nel senso di appartenenza che la politica dovrà dimostrare, dando la giusta priorità ad accelerare i processi di approvazione di questo grande progetto, che sicuramente può dare  qualche risposta positiva al nostro martoriato territorio.  

 

 Le Segretrie, e la RSU. 

 Femca, Filctem, Uiltec Jindal Films Brindisi  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.