FORZA ITALIA – VASCA DI COLMATA: BREVE STORIA TRISTE SUL PORTO DI BRINDISI

In queste ore si apprende del parere favorevole della apposita Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) da parte della commissione tecnica, sulla realizzazione della vasca di colmata nel porto di Brindisi…e gli esponenti del Partito Democratico di Brindisi esultano!!!

Si, proprio quel Partito Democratico che all’inizio di questa tragica parentesi politica guidata da Riccardo Rossi indicava come Assessore all’Urbanistica quel Dino Borri da sempre contrario alla realizzazione di tale opera, a tal punto da decidere di non presentarsi al consiglio comunale monotematico sul porto.
 
Proprio quel Partito Democratico che siede sui banchi della maggioranza accanto agli amici di Brindisi Bene Comune (il partito del Sindaco) che videro, in quello stesso consiglio comunale, alcuni dei propri consiglieri non votare l’ordine del giorno e uscire polemicamente dall’aula.
 
Proprio quel Partito Democratico che assieme al Sindaco chiedeva sostegno alle associazioni ambientaliste locali definendo il progetto inopportuno e datato.
 
In quel consiglio comunale alla fine l’ordine del giorno per favorire la realizzazione delle opere nel porto passò grazie ai voti delle opposizioni, e forse grazie a loro, oltre che per l’impegno profuso in Parlamento e presso i Ministeri competenti dal nostro coordinatore regionale Mauro D’Attis, la storia del porto cambierà per davvero.
 
Alla città rimane per il momento una maggioranza che definire “bizzarra” potrebbe sembrare addirittura riduttivo, e un Partito Democratico che esulta, a prescindere.
 
 
Coordinamento Cittadino
 
Forza Italia Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.