BRINDISI.Il Sindacato Cobas si stringe attorno alle famiglie del giovane morto a Brindisi per il caldo

Il Sindacato Cobas si stringe attorno alle famiglie del giovane morto a Brindisi per il caldo , del ragazzo leccese morto mentre distribuiva opuscoli pubblicitari , degli altri lavoratori costretti a ricorrere alle cure ospedaliere .

Lo sfruttamento nelle campagne ,quello della pubblicità , il trasporto delle merci, le condizioni di lavoro,  hanno la stessa matrice.

Lo scontro ad esempio nella grande distribuzione  è la guerra per abbassare i prezzi più degli altri.

Ma questo è solo possibile pagando male i lavoratori sia nelle campagne , nei supermercati, nella logistica come la morte di Adil ha ben rappresentato.

Comprimere i prezzi significa dall’altra parte costringere la popolazione a correre da un supermercato all’altro per trovare i prezzi più bassi perché di soldi in giro ce ne sono sempre meno.

Il Cobas pensa che per onorare i morti di questa guerra bisogna passare alla lotta senza quartiere contro  i padroni della grande distribuzione .

Hanno  messo in ginocchio milioni di contadini costringendoli a vendere per quattro soldi i loro prodotti, affamandoli sempre più.

E’ una vergogna !!! Lo Stato e gli altri padroni stanno zitti perché  calmierare i prezzi con questi livelli di sfruttamento gli torna comodo perché evita il conflitto anche nei rinnovi contrattuali.

Rinnovi ridotti grazie alla concertazione di Cgil-Cisl-Uil ad un vera manciata di euro.

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.