BRINDISI.Richiesta di incontro al MISE.Il Sindacato Cobas di Brindisi invita tutti i lavoratori di Cerano a partecipare Venerdì 2 Luglio alle ore 15,30 al sit in in Piazza Santa Teresa

Il Sindacato Cobas di Brindisi invita tutti i lavoratori di Cerano a partecipare   Venerdì 2 Luglio  alle ore 15,30 al  sit in  in Piazza Santa Teresa , di fronte la Prefettura di Brindisi, per sostenere la richiesta di incontro al MISE, Ministero dello sviluppo economico, ed al MITE, Ministero della Transizione Ecologica, in cui parlare concretamente dei sostegni che possono dati agli stessi lavoratori in relazione alle decisioni Enel di chiudere la Centrale Enel Federico II.

Il Cobas ha chiesto nei giorni scorsi un incontro alla locale Prefettura di Brindisi, da svolgere con una delegazione del sit in  ; lo scopo è quello di chiedere sostegno istituzionale  per le richieste delle riunioni  a Roma.

Non c’è più tempo per i problemi occupazionali dei lavoratori di Cerano; questi problemi hanno bisogno di risposte immediate.

Infatti numerosi lavoratori stanno aderendo alla manifestazione del 2 Luglio perché hanno compreso che il loro destino è segnato ;

Nel sit in del 16 Giugno  davanti la Centrale Federico II  il Cobas riferiva ai lavoratori presenti come la vertenza dei lavoratori Sir è stata una occasione persa.

La vertenza dei lavoratori Sir operanti al porto per l’Enel del porto rappresentava solo la punta dell’ iceberg dei problemi dei lavoratori di Cerano ; poteva diventare l’inizio di una protesta generalizzata per costruire una alternativa alla disoccupazione .

I nostri appelli alla mobilitazione risalgono ormai ad anni fa , ma non ci sforziamo di ripetere che bisogna organizzarsi ed andare a Roma  con forza e decisione.

I programmi alternativi noi li abbiamo già presentati ,intanto  abbiamo l’obbligo di mettere in sicurezza  i più anziani con un ammortizzatore sociale della durata di 7 anni.

Andiamo a Roma a prendercelo, Brindisi da 40 anni aspetta un risarcimento per i danni subiti!!!!!

 

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.