Cobas Brindisi,G20:il problema siete voi, l’emergenza umanitaria il prodotto delle vostre azioni.

Il Sindacato Cobas contesta decisamente la decisione della Questura di Brindisi a vietare lo svolgimento di  un sit in in Piazza del Vento , dove c’è l’ingresso dell’aeroporto militare .

Il divieto è stato consegnato nella giornata di Domenica nelle mani del nostro referente, Roberto Aprile, dove si riporta una circolare della Prefettura che permette le manifestazioni solo in Piazza Vittoria, Piazza Matteotti, Piazza Vittorio Emanuele.

Un divieto  che cancella il diritto costituzionale a manifestare ; non c’è ombra di giustificazione alle loro decisioni anche perchè il G20 si svolgerà a San Vito dei Normanni nella ex base Usaf mentre la richiesta Cobas è per il piazzale dell’ingresso dell’aeroporto militare.

Divieto che appare ancora più odioso dal fatto che lo stesso Aprile è stato promotore delle richieste di  manifestazioni contro il G20 a Bari, dove si sono svolti nella zona interessata agli incontri  un sit in in mattinata ed un corteo nel pomeriggio.

Un cattivo segnale di democrazia avvenuto nel silenzio assoluto di tutta la città a cui sembra più opportuno ossequiare Ministri degli esteri dalle dubbie qualità morali coinvolti in operazioni di guerra , economiche a vantaggio di multinazionali , di repressione dei diritti.Queste sono le poliche dei loro paesi a cominciare dall’italia.

Il Cobas rifiuta tutto ciò.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.