PALAZZO ROMA OSTUNI ESCLUSA LA STAMPA DALL’EVENTO DI PRESENTAZIONE – QUALE IDEA DI CULTURA?

LETTERA APERTA AL DOTT. RENÈ DE PICCIOTTO –

 

Gentile Dottore,

Mi rivolgo a lei in quanto a capo del meraviglioso progetto di Palazzo Roma in Ostuni (BR).

Sono Alessandro Nardelli, giornalista pubblicista da nove anni e redattore per due testate giornalistiche, nonché fresco di alto riconoscimento per la Letteratura e l’Impegno Sociale omaggio a Dante Alighieri, insomma, non l’ultimo degli arrivati, ma potrei essere stato un neo arrivato, il discorso non cambia. Nella giornata di ieri, ho fatto in modo di far pervenire presso l’indirizzo mail, come allegato da foto, la richiesta di accreditamento all’evento di riapertura del Palazzo Roma in Ostuni (BR), per me e per la mia collaboratrice. Inoltre ho inoltrato tale richiesta alla pagina Facebook, come da allegato.

Risultato? Sono stato ignorato, senza essere degnato di una risposta dall’amministrazione di Palazzo Roma. Inoltre, alla mia collaboratrice, in mia sostituzione, è stato negato l’accesso all’evento con la motivazione “Giovanni non mi dà l’autorizzazione”.

Sono basito e indignato per l’accaduto. Allontanare la stampa, che tra l’altro, aveva richiesto accreditamento, in evento pubblico o privato che sia, è un gesto volgare e gravemente lesivo della libertà. Quella libertà vera e propria colonna portante dell’informazione.

Gentile Dott. De Picciotto, È forse questo il concetto di cultura che volete trasmettere alla cittadinanza ostunese? Una cultura che vede cittadini di Serie A e cittadini di Serie B? Un cenacolo culturale che vede la presenza di alcuni colleghi giornalisti e l’esclusione di chi come me, aveva diritto a partecipare all’evento, o per lo meno aveva diritto ad una risposta motivata, fosse anche negativa?

Mi auguro invece che il vostro concetto di cultura non sia fondato sulla salvaguardia dello status quo e per favorire i vostri interessi commerciali. Se così fosse, Dottore, potrà acquistare palazzi antichi, cinema, teatri, anche musei forse, ma saranno dei luoghi vuoti, delle strutture in cui non potrà mai esservi il valore più prezioso, la cultura, socialmente libera fatta di estro, talento e creatività, piuttosto che di privilegi acquisiti.

Chiudo con una frase di Giorgio Gaber – Libertà è partecipazione –

Colgo l’occasione, con questa lettera, per augurarle i migliori successi per il futuro.

 

Cordiali saluti,

Dott. Alessandro Nardelli – Giornalista


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.