BRINDISI. Maestranze di DCM e DAR ,le due società in cui furono divisi i lavoratori ex GSE.Lettera aperta per dcm e dar

Lettera aperta ai Rappresentanti Istituzionali del Territorio :

Onorevoli, Senatori, Consiglieri Regionali, Consiglieri Provinciali. Consiglieri Comunali città di Brindisi.

Le maestranze di DCM e DAR ,le due società in cui furono divisi i lavoratori ex GSE, saranno presenti con un sit in sotto il Comune di Brindisi Venerdì 9 Luglio a partire dalle ore 8,30 dove chiederanno di parlare con il Sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi per chiedere sostegno Istituzionale ad una situazione di carattere occupazionale che diventa  ogni giorno di più complicata.

I lavoratori chiedono la vostra presenza per rafforzare la loro voce disperata , ma sempre più flebile.

Lo scopo di questa iniziativa è quello di mettere nero su bianco  su chi ama veramente il proprio territorio  mettendoci la faccia .

Un fronte capace di pesare con la Regione Puglia , dove andremo a trovare il presidente Emiliano il prossimo Venerdì 16 Luglio alle ore 9,00 al lungomare Nazario Sauro a Bari.

Ricordiamo che la Puglia ha sostenuto con fondi pubblici numerose aziende private , tra cui anche quelle brindisine.

Andremo a ricordare l’impegno elettorale preso a Brindisi con i cassaintegrati DCM , per rinnovare il suo impegno presso il Governo nei nuovi piani di lavoro delle aziende di Stato e non.

L’obiettivo finale è quello di strappare dei risultati di carattere nazionale per un rilancio della  occupazione; questo può avvenire se saremo capaci di essere tutti insieme con una unica voce.

 

Cobas , Fismic, Uglm, Rsu Dar, Comitato Cassaintegrati DCM


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.