Nella busta delBRINDISI.l’Eurospin 12 chili di eroina: fermato l’uomo dell’inseguimento da Brindisi a Tuturano

La Polizia di Stato, nella giornata del 6 luglio, ha eseguito il fermo di indiziato di delitto disposto dal P.M. della locale Procura della Repubblica a carico di PALMA Marco di anni 30, con pregiudizi di polizia in materia di stupefacenti. Il PALMA è ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di eroina e di resistenza a P.U

I fatti per i quali si è proceduto si riferiscono allinseguimento, avvenuto lo scorso 5 luglio su questa statale 7 da parte di alcuni equipaggi della Squadra Mobile e dellU.P.G.S.P. brindisino, sulla S.S. 7 ter, che ha interessato una autovettura BMW 530 che a forte velocità, noncurante dellalt intimatogli durante un normale controllo, continuava la sua marcia sino allo svincolo per la frazione Tuturano ove faceva perdere le sue tracce

Poco dopo la macchina veniva rinvenuta abbandonata a seguito del raccordo del personale operante con le forze di polizia presenti su quel territorio che si ponevano immediatamente alle ricerche dello sconosciuto guidatore, perlustrando accuratamente lintera zona

Poco distante dallautovettura e occultato sotto dei cespugli, gli investigatori si imbattevano in una borsa tipo shoppercon allinterno un ingente quantitativo di sostanza stupefacente del tipo eroinaper complessivi kg. 12,5

Limmediata attività investigativa portava sulle tracce dellodierno fermato, inizialmente resosi irreperibile sino alla mattinata di ieri quando veniva posto in stato di fermo per il reato di detenzione ai fini di spaccio e resistenza a P.U.

Il fermato, al termine delle formalitadi rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dellA.G..


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.