Ora tocca a noi: Venerdì l’incontro “Brindisi e il diritto allo studio”

Venerdì 9 luglio, alle ore 10.00 presso la sala Università di Palazzo Nervegna, si svolgerà il terzo incontro del programma itinerante tra le città universitarie pugliesi sul tema “Brindisi e il diritto allo studio”.


L’iniziativa sarà un’occasione per fare il punto sullo stato dell’arte e sulle strategie di sviluppo dell’Università a Brindisi.
In particolare il progetto “Puglia Regione Universitaria” ha l’obiettivo di definire un rapporto sempre più organico ed integrato tra sistema universitario e politiche urbane attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori e le Istituzioni coinvolte.

All’incontro parteciperanno l’Assessore Regionale all’Università e Formazione Sebastiano Leo, i rappresentanti di ADISU (l’agenzia Regionale per il Diritto allo Studio), delegazioni di studenti e docenti dei corsi presenti a Brindisi.  

Insieme a tutti loro continueremo a lavorare ed interloquire per fare anche di Brindisi una città universitaria, pronta ad accogliere sempre più studenti e a fornire risposte ai loro bisogni.

“Fin dall’inizio del mandato ci siamo battuti per garantire i migliori servizi a chi decide di studiare a Brindisi attraverso continui confronti e tavoli tecnici” – dichiara il Consigliere Comunale Giulio Gazzaneo, delegato alla “città universitaria” – “oggi con la partecipazione del Comune di Brindisi a questo progetto si apre un percorso ancora più ambizioso per far crescere il nostro territorio costruendo una strategia comune che metta al centro gli studenti e la formazione”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.