Alta velocità fino al Salento, Caroppo (PPE): bene studi di fattibilità, ma senza estensione del corridoio Scandinavo-Mediterraneo resterà utopia

«Avere studi preliminari e ipotesi di intervento per l’alta velocità Bologna-Lecce è certamente un’ottima cosa, il problema, però, è che nel frattempo la programmazione dell’alta velocità da Bari a Lecce rischia di restare un’utopia. Invece è proprio sul tratto Bari-Lecce che occorre concentrarsi.

Infatti, è in corso – e pure in fase avanzata – il procedimento di revisione della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) dentro il quale si sta facendo largo l’ipotesi di inserire un corridoio trasversale che colleghi Ancona o Pescara a Civitavecchia: è evidente che ciò, soddisfacendo le richieste di collegamento delle regioni del medio adriatico, renderebbe del tutto inverosimile il prolungamento del corridoio Adriatico fino a Bari. Senza contare che, appunto, il corridoio adriatico con la previsione dell’alta velocità si fermerebbe a Bari e non arriverebbe comunque a Brindisi e a Lecce.

Per il Salento, l’unica possibilità realistica e concreta di agganciarsi all’alta velocità passa piuttosto dal prolungamento sino a Lecce della Napoli-Bari (corridoio Scandinavo-Mediterraneo) che è già programmata. Cioè, da lì è certo che l’alta velocità arriverà a Bari.

Allora, se si vuole davvero farla arrivare fino a Lecce occorre concentrare gli sforzi sul prolungamento del corridoio Scandinavo-Mediterraneo, e farlo oggi, mentre si sta lavorando all’aggiornamento della rete TEN-T. Domani sarà troppo tardi e pure gli studi di fattibilità dovranno attendere altri decenni».

E’ quanto chiede con forza l’Onorevole al Parlamento Europeo, Andrea Caroppo, del PPE, eletto nella circoscrizione Sud.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.