SAVERIO TOMMASI AL PUGLIA BOOK BRINDISI

L’attore, scrittore, blogger fiorentino Saverio Tommasi sarà l’ospite del quarto appuntamento del Puglia Book Brindisi, la rassegna letteraria organizzata da Comune di Brindisi in collaborazione con l’Associazione Pugli Book Ets, che si terrà domenica 18 luglio, alle ore 21.00, presso il Giardino dell’ex convento Santa Chiara di Brindisi (nei pressi del Duomo).

Saverio Tommasi presenterà il suo ultimo libro, edito da Feltrinelli, dal titolo “In fondo basta una parola”, un libro che attraverso cinquanta parole racconta cinquanta piccole storie di disaffezione quotidiana all’indifferenza, perché la rivoluzione gentile può partire soltanto da parole dannose al conflitto. Saverio Tommasi sarà intervistato dalla giornalista Lucia Portolano.

Cinquanta parole per interrogarsi: dalle più disarmanti, come grazie o vergogna, alle più coraggiose, come trasgressione, scabroso, fino ad arrivare alle fondamentali – lavoro, cuore, paura, vita e morte. Perché una parola può ferire, ma può anche salvare. Usare le parole oggi, impiegare tempo per farle risuonare, significa non avere perso la speranza. 

Per Saverio Tommasi “portarsi dietro delle parole nelle tasche dei pantaloni, nel taschino della camicia, della giacca, infilate nella punta delle scarpe, dentro i calzini e finanche nelle mutande significa avere l’ardire di cercare una soluzione nonostante tutto e senza il preconcetto del luogo più adatto a impiegarle. Significa mantenere la sfacciataggine di pensare che non tutto è perduto”. E farlo, aggiunge, non solo è divertente, ma è l’occasione per scoprire e per scoprirci.

Il Puglia Book Brindisi torna lunedì 19 luglio con la presentazione del libro “La regola di Santa Croce” di Gabriella Genisi.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.