Francavilla Fontana (Br).Firmato il Contratto di Fiume del Canale Reale

Salvaguardare, rigenerare e valorizzare il Canale Reale. Sono questi i tre obiettivi principali contenuti nel Contratto di Fiume firmato nei giorni scorsi dal Sindaco Antonello Denuzzo.

Il Contratto di Fiume – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – è una opportunità per tutto il territorio. Insieme alle comunità bagnate dal corso d’acqua, associazioni, enti pubblici e privati, abbiamo intrapreso, con il coordinamento della Regione Puglia, un percorso comune per ripensare il Canale Reale anche come attrattore turistico nel rispetto dell’ambiente rurale circostante.

Il documento sottoscritto è il primo contratto di Fiume del Sud Italia ed è frutto di un lungo lavoro preparatorio avviato nel 2019 che ha coinvolto attivamente circa 30 soggetti tra istituzioni, Enti, università e associazioni.

È importante – prosegue il Sindaco – proseguire sulla strada della condivisione tra Enti che ci consente di affrontare con maggiore efficacia le sfide economiche, sociali e ambientali che necessitano di risposte non più rinviabili. È un cammino che abbiamo già intrapreso con il turismo, stipulando accordi intercomunali per il turismo lento e religioso. Si tratta di superare la logica dei piccoli isolamenti narcisistici per entrare in un’ottica di sistema. È una prova di maturità per la politica e per le nostre comunità.

Il Contratto di Fiume disciplinerà interventi per la messa in sicurezza idraulica, la salvaguardia della quantità e qualità delle acque e dell’ecosistema fluviale, la valorizzazione del mondo rurale collegato, la rigenerazione del patrimonio naturalistico e culturale e della sua fruizione.

Le aree rurali, secondo quanto previsto dal Contratto, si trasformeranno in parchi agricoli rinaturalizzati e sostenibili, il Reale stesso diventerà una vera infrastruttura verde offrendo agli utenti non solo natura, ma anche possibilità di svago collegando tra loro i percorsi culturali dei comuni che attraversa.

Il Contratto – conclude il Sindaco Antonello Denuzzo – rimarca la centralità dell’infrastruttura verde, come elemento di connessione tra ambiente, ruralità e cultura. Si tratta di una intuizione già presente nel nostro Piano Urbanistico Generale e che consentirà una più efficace realizzazione della progettualità. In concreto potremo avviare nel breve periodo una bonifica del percorso del fiume che, in alcuni tratti, è un ricettacolo di rifiuti. Ripartire vuol dire anche questo, ridare valore a ciò che possediamo, invertendo la tendenza al degrado che è tutt’altro che inarrestabile.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.