LUCE E GAS: DIFFIDARE DEI VENDITORI DI NUOVI CONTRATTI VIA TELEFONO.di Antonio Bosco Segretario generale Adiconsum Taranto Brindisi

Continue segnalazioni di consumatori, nostri associati, rilevano il proliferare di telefonate che giungono a nome e per conto di sedicenti mandatari di grandi aziende leader nel campo energetico, con le quali le famiglie hanno già in corso contratti di utenza, ad esempio nei settori gas e luce.

Lo scopo delle telefonate, immediatamente dichiarato dai venditori, è quello di adeguare i relativi contratti e, con ciò, di far risparmiare danaro.

Il colloquio è caratterizzato inizialmente da toni amichevoli, dal nome e cognome che gli interlocutori mostrano di conoscere ma, immediatamente dopo, seguono domande insistenti sulla presunta spesa della famiglia per consumo di energia elettrica e/o gas.

Ecco, allora, le insidie di cui tener conto.

Nessuna tra le grandi aziende del settore energetico, contattate da Adiconsum Taranto Brindisi, ha dichiarato di servirsi di call center per modificare i contratti in essere ed è strano che i suddetti venditori, se è vero che conoscono nome, cognome, indirizzo di chi chiamano, poi non conoscano il codice POD dell’utenza elettrica, visto che si spacciano come i diretti fornitori.

Invitiamo i consumatori ad una attenta vigilanza sulle proprie bollette, a verificare che siano emesse dal gestore con cui si ha il contratto, a non comunicare mai il codice POD, per non rischiare di sottoscrivere indirettamente  altri contratti a due-tre anni.

Inoltre, per qualsiasi cambio di tariffa, per informazioni sui contratti in essere o per la stipula di nuovi, è opportuno recarsi di persona presso le sedi ufficiali senza dare,  per telefono, riferimenti più sensibili, come i numeri di carta di credito, il proprio Pin, ecc.

Le insidie, specie a danno delle persone meno accorte, sono dietro l’angolo.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.