ANTONUCCI (F.I.) – Deposito Edison gnl: Imbarazzante il silenzio del PD cittadino. Cannalire ‘desaparecidos’

Sulla vicenda Edison, consumata impietosamente nell’ultimo Consiglio Comunale che ha visto sciogliersi la seduta per mancanza di numero legale,  i rappresentanti politici e istituzionali nazionali e regionali, hanno  espresso la loro posizione.

 
Ha ribadito la posizione chiara e netta di FI il nostro On. Mauro D’Attis.
 
Si è espresso il coordinatore regionale del PD Lacarra ed il loro consigliere regionale Amati,  entrambi favorevoli all’impianto.
 
Non si è smentito Rossi con il suo ‘NO’ all’impianto.
 
Non ha ritenuto di lasciare alcuna dichiarazione in proposito il PD cittadino, pur avendo forti responsabilità rispetto alla mancanza di numero legale (ricordiamo che due consiglieri PD hanno abbandonato l’aula proprio prima della discussione della delibera sul procedimento di autorizzazione all’installazione ed all’esercizio del deposito costiero).
 
Comprendiamo la posizione ‘tra l’incudine e il martello’ di Cannalire che, qualora intervenisse a favore, romperebbe gli equilibri (o presunti tali) con Rossi. Se, invece, dovesse esprimersi contro l’impianto, la ri-caduta sarebbe davvero drammatica.
 
Noi di Forza Italia, rispetto alla vicenda, abbiamo riferito alla città e in Consiglio comunale, attraverso i nostri consiglieri e lo abbiamo fatto anche con coerenza e condivisione di intenti a tutti i livelli istituzionali.
 
 Livia Antonucci-Coordinatrice cittadina FI Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.