CPI. M5S: “A marzo ancora a zero le assunzioni di nuovi operatori. Chiederemo dati all’Arpal per capire motivi del ritardo”

“Al 31 marzo 2021 le assunzioni di nuovi operatori nei Centri per l’Impiego pugliesi erano ancora ferme a zero.

Gli 11.600 nuovi ingressi sull’intero territorio nazionale, previsti dal Piano straordinario di potenziamento inserito nella legge istitutiva del Reddito di cittadinanza, sono fondamentali per il rilancio di queste strutture pubbliche. Sappiamo che i dati richiesti dal Ministero per il monitoraggio del piano di rafforzamento dei CPI sono su base trimestrale, per questo auspichiamo che il direttore generale dell’Arpal ci dia informazioni sui dati aggiornati e per capire le ragioni del ritardo. Ricordiamo che grazie al M5S sono state investite ingenti risorse sia per un ammodernamento dei CPI con nuove strumentazioni, che per il potenziamento degli organici”. Lo dichiarano in una nota i consiglieri del M5S Grazia Di Bari, Cristian Casili e Marco Galante. 

“Dai dati forniti nei giorni scorsi in commissione Lavoro alla Camera dalla sottosegretaria Nisini in risposta a una interrogazione della parlamentare del M5S Valentina Barzotti – continuano i pentastellati – emerge che in Puglia a marzo non sia stata effettuata nessuna assunzione nei CPI, nonostante siano autorizzate complessivamente 1129 assunzioni dal Piano di potenziamento. Vogliamo sapere dal direttore dell’Arpal il perché di questa situazione e se sia cambiato qualcosa in questo trimestre. L’emergenza che stiamo vivendo rende ancora più urgente la piena attuazione di questa riforma. Per questo confidiamo in un pronto ed immediato intervento dell’assessore Sebastiano Leo”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.