Defribrillatori ai due Centri che a Mesagne si occupano di disabilità: stamattina la consegna nell’Aula consiliare

Defribrillatori ai due Centri che a Mesagne si occupano di disabilità: stamattina la consegna nell’Aula consiliare

    Sono stati consegnati stamattina i defibrillatori acquistati grazie ai fondi raccolti in occasione del torneo di calcio a cinque che si è svolto lo scorso 13 luglio presso il Parco “Roberto Potì” di Mesagne.

Alla piccola cerimonia hanno partecipato: il sindaco Antonio Matarrelli, il presidente del Consiglio comunale Omar Ture e il consulente cittadino alle Politiche per la Disabilità, Antonio Calabrese. L’iniziativa di beneficenza è stata promossa dall’Amministrazione comunale in collaborazione con il locale Comando di Polizia di Stato, la Compagnia dei Carabinieri di San Vito dei Normanni e il Lions Club di Mesagne, in rappresentanza dei quali sono intervenuti il commissario Giuseppe Massaro, il capitano Antonio Corvino e l’ingegnere Luigi Facecchia.

    I due apparecchi salvavita sono stati consegnati alla Cooperativa sociale “Alba” – erano presenti il presidente Tony Muscio con due ospiti dei centri socio-riabilitativi di Villa Cavaliere e “Pino Pagliara”, Claudia Carbone e Alessandro Leuzzi – e all’associazione di promozione sociale “Gli amici di Nico”, rappresentata dalla presidente Maria Antonietta Bove e dalla dottoressa Danila Stefanelli.

La generosità di chi ha contribuito per una buona causa ha dato i frutti sperati: grazie a tutti i protagonisti di questa piccola ma significativa pagina di solidarietà”, hanno dichiarato gli organizzatori. Le due realtà coinvolto hanno ringraziato per l’attenzione riservata e per l’utilità dello strumento consegnato.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.