BRINDISI.Adoc su emergenza incendi

Gli incendi che stanno interessando, non solo in queste ore, ampie zone della città  di Brindisi ed in particolare la costa Nord del capoluogo sono il frutto oltre che della mano criminale dell’uomo, dell’incuria, della mancanza di manutenzione del territorio, messa in sicurezza delle proprietà e della mancanza di controlli.

Neanche le recenti disposizioni in aggiunta alle esistenti circa la manutenzione dei fondi in materia di contrasto alla diffusione della Xylella sono riuscite a prevenire quanto sta avvenendo per il semplice fatto che in pochi hanno adempiuto alle ordinanze mentre ettari di terreno risultano incolti a ridosso di strade, abitazioni ed opifici con gravi rischi per la cittadinanza e le proprietà. La situazione risulta ancor più  grave sotto il profilo della sicurezza e della tutela del patrimonio paesaggistico. Spesso i terreni incolti sono sede di discariche e con le sterpaglie vanno in fumo volutamente tonnellate di rifiuti anche nocivi e pericolosi. Molto spesso i danni riguardano zone di pregio ambientale come la macchia mediterranea così  come avvenuto nei pressi di Giancola. Invitiamo, pertanto, gli organi di controllo e la stessa amministrazione comunale ad un’azione immediata ed incisiva per la messa in sicurezza del territorio a salvaguardia dei cittadini, l’ambiente e le proprietà.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.