Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo, Sottosegretario Pucciarelli: vicinanza ai familiari delle vittime sul lavoro.

“Le commemorazioni della Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo sono occasione per unirmi al commosso pensiero dell’intero Paese ai tanti – troppi – connazionali che hanno tragicamente perso la vita sui luoghi di lavoro.

La dolorosissima perdita dei 136 minatori italiani, tra i 262 periti nel disastroso incendio che l’8 agosto 1956 funestò la miniera di carbone di Bois du Cazier, a Marcinelle in Belgio, rimane emblematico monito per riflettere, una volta di più, sull’importanza della sicurezza sui luoghi di lavoro, perché – come già richiamato dal Presidente Mattarella – la tutela della salute di chi vi opera costituisce un bene primario su cui si misura la civiltà delle economie avanzate.” – ha sottolineato il Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli, nel contribuire a dare evidenza all’alto significato di questa ricorrenza, inserita tra le giornate celebrative nazionali dal dicembre 2001.

“Il simbolo del sacrificio del lavoro italiano nel mondo che è la tragedia di Marcinelle, ci esorta a promuovere, oggi come in passato, migliori opportunità di lavoro e massime garanzie di sicurezza per tutti i lavoratori, in Italia, in Europa e nel mondo.

Con questa consapevolezza, da donna delle istituzioni tra le cui deleghe rientrano salubrità e sicurezza dei luoghi di lavoro, sento pienamente la responsabilità di porre la doverosa attenzione sulle misure orientate a salvaguardare la salute e l’incolumità dei lavoratori, soprattutto in un contesto peculiare come è quello della condizione militare, la cui ‘specificità’ non trova eguali nel panorama dell’impiego pubblico”. – conclude il Sottosegretario Pucciarelli.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.