Europa Verde città di Brindisi chiede l’allontanamento delle grandi imbarcazioni e navi dal porto interno

Ieri lunedì 9 agosto 2021, sono stati sversati nel porto interno di Brindisi tre quintali di gasolio (Marine Diesel oil-Nato F76) dalla nave della Marina Militare San Giusto.


Lo sversamento ha provocato un inquinamento ambientale ed odorigeno avvertito, soprattutto, nei quartieri del Centro storico, Casale, Minnuta e zona Parco Cillarese (ex SACA).Tempestive sono state le operazioni di disinquinamento ma, purtroppo, noi di Europa Verde della città di Brindisi abbiamo constatato che la popolazione è stata avvertita solo questa mattina martedì 10 agosto 2021. Del resto, vogliamo anche denunciare che nessun abitante di Brindisi è a conoscenza di un piano di emergenza o di evacuazione.

Noi di Europa Verde della città di Brindisi, inoltre, siamo sempre più convinti che le navi militari, così come i rimorchiatori, devono lasciare il porto interno della città di Brindisi.

Noi di Europa Verde della città di Brindisi siamo fermamente sempre più convinti che le movimentazioni di navi militari così rimorchiatori debbano essere interdetti nel porto interno della città di Brindisi per essere posizionate in altri punti del porto intermedio o esterno.

Le grandi imbarcazioni e navi producono un grande inquinamento sia dell’aria che dell’acqua e il loro allontanamento dal centro abitato e cuore della città può solo portare benefici alla cittadinanza.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.