BRINDISI,nota del sindaco su sfiammata versalis

“La sfiammate della torcia di Versalis avvenuta ieri, visibile da Lendinuso alle marine di Carovigno, ha destato grande preoccupazione ed allarme nella popolazione. L’evento era stato preceduto nei mesi scorsi da accensioni relative alle manutenzioni straordinarie che, a nostro avviso, sono state comunque troppo frequenti.

Le spiegazioni e le motivazioni delle singole accensioni non sono esaustive e non risolvono il problema che resta, da anni, lo stesso. La questione ha una natura ambientale e sanitaria, come segnalato da Arpa ed Ispra, con i conseguenti valori rilevati per il benzene ma anche di immagine per la città

Brindisi ha un grande potenziale turistico attrattivo che non può essere mortificato e sminuito, agli occhi dei tanti visitatori presenti in città e nel territorio, da eventi come quello registrato questa notte.

Si pone il tema ineludibile della conversione ecologica degli impianti. Per questo inviamo una richiesta di incontro urgente al ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani e al ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti.

Il governo giustamente si occupa di Taranto e delle necessarie conversioni ma non può trascurare una città come Brindisi. Il Green New Deal deve essere la rotta da seguire anche nel nostro territorio. Il passaggio dalla chimica degli idrocarburi alla chimica verde e le necessarie bonifiche dovranno essere oggetto di discussione con il governo e con l’azienda del gruppo Eni.

Su questo tavolo di confronto saranno anche portati i risultati dei rilievi che arriveranno da Arpa nei prossimi giorni”, lo dichiara il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.