LA RISPOSTA DEL SINDACO DI MESAGNE TONI MATARRELLI ALL’ INVITO DI CARMINE DI PIETRANGELO

Caro Carmine, il tuo suggerimento è non solo ben accetto ma incontra anche la direzione che vorremmo dare al progetto con il quale la nostra città si prepara a candidarsi a Capitale italiana della Cultura per il 2024.

Nella proposta da presentare al Ministero non si potrà trascurare un elemento, il vino, così intimamente collegato alla nostra tradizione contadina, quindi agricola e paesaggistica. Sappiamo come non sia affatto un caso che “coltura e cultura abbiano identica etimologia. Coltura significa coltivazione del terreno. Cambi la o in u, cultura, ed hai il complesso delle conoscenze intellettuali”, come scriveva Luigi Veronelli nella sua “Lettera ai giovani estremi”.

Vino è cultura perché lo studio dei vitigni permette di conoscere popoli, tradizioni e gusti che attraverso il vino si raccontano. E Mesagne, che con i Comuni vicini condivide caratteristiche simili, anche su questo fronte ha una storia millenaria da mettere nero su bianco. Una storia dalle radici antiche in cui passato e presente si intrecciano. Per proiettarsi in un futuro in cui coltura e cultura vitivinicola sanno rappresentare un solido riferimento di sviluppo, dal quale attingere per generare e infine capitalizzare ricchezza autentica.

La nostra città, come correttamente dici tu, è cresciuta tanto negli anni, al punto da sentire oggi tutte le ragioni per poter ambire ai traguardi più belli. E per questo grande merito va dato ad una comunità che ha esercitato fino in fondo la capacità di confrontarsi e di scegliere il meglio per se stessa.
Tony Matarrelli


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.