Marina Militare Nastro Rosa Tour 2021

UN PROGETTO AMBIZIOSO IN CUI ESPERIENZE, VALORI E TRADIZIONI MARINARESCHE  ITALIANE SI FONDONO CON IL MODERNO SPORT VELICO PER CELEBRARE LE BELLEZZE  DEI MARI D’ITALIA 

NARRATIVA 

Il progetto strategico 

Difesa Servizi, in coerenza con la sua missione, ha ideato questo importante evento  sportivo di rilievo internazionale, in partnership con la SSI Events, per promuovere i  valori della Marina Militare e valorizzarne il brand attraverso la vela, che è la massima  espressione del legame tra l’uomo e il mare, nel rispetto della nostra tradizione  marinaresca rinsaldando valori quali lealtà, coraggio, leadership e spirito di sacrificio,  attraverso il binomio indissolubile educazione – istruzione. Si tratta di una  manifestazione sportiva concepita con una visione a “medio-lungo termine” e con  l’imprimatur della Marina Militare che, con il suo vessillo, è simbolo nel mondo delle  antiche e prestigiose tradizioni della marineria italiana. Un “Nastro Rosa” per unire i  mari d’Italia, fonte di ricchezza e di sfide per il nostro Paese. Un mare sicuro è  sinonimo di progresso per il mondo intero e la Marina Militare, con la continua  sorveglianza degli spazi marittimi, ne garantisce un uso sicuro.  

L’iniziativa è inserita, peraltro, fra quelle trainanti del progetto Valore Paese Italia sviluppato dal MiC, insieme all’Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, l’Agenzia del  Demanio e Difesa Servizi, un brand nazionale che raccoglie diversi circuiti tematici  legati al turismo sostenibile e alla scoperta delle bellezze dei territori italiani e in cui  si riconosce il network pubblico / privato di soggetti che partecipano a strutturare ed  animare la rete. 

Marina Militare Nastro Rosa Tour nasce in particolare per le attività di promozione  di Valore Paese Italia, in collaborazione con tutti i partner coinvolti, con un progetto  a medio-lungo termine di portata significativa e richiamo internazionale e con 

l’occasione unica di promuovere la bellezza e il fascino del nostro Paese, visto il forte  legame che esprimono con il tessuto sociale e culturale delle diverse realtà italiane

Un mese di vela nei mari d’Italia per promuovere la vocazione velica della Marina  Militare, da Genova a Venezia, passando per Civitavecchia, Gaeta e Napoli, sul mar  Tirreno e per Brindisi, Bari e Marina di Ravenna sul mare Adriatico. Un’occasione  importante per sostenere il progetto Valore Paese Italia e la valorizzazione dei Fari e  degli edifici costieri, una vetrina con il meglio della vela internazionale, un tour  nazionale, con 8 tappe nelle principali città di mare d’Italia e con rotte che lambiscono  i fari della costa e delle isole italiane, valorizzati nell’ambito del progetto.  

Il progetto interessa quindi anche una rete di Fari, affidati in concessione dallo Stato  ai privati grazie al progetto Valore Paese Italia – Fari, da valorizzare secondo un  modello di alloggi nei fari, rispettoso del paesaggio e dell’ambiente, che emerge in contesti costieri prescelti per la loro assoluta bellezza e massima fragilità. È  un’iniziativa avviata nel 2015, per il recupero e riuso di beni lungo la costa a fini  turistici, ricettivi e culturali, in linea con i principi del turismo sostenibile e la cultura  del mare, rispettosi del paesaggio e in linea con la salvaguardia ambientale.  

Nel corso degli anni le iniziative a carattere nazionale di recupero e riuso del  patrimonio pubblico hanno suscitato un interesse enorme da parte dei media e  dell’opinione pubblica. I temi della valorizzazione di beni e luoghi non utilizzati e della  partnership con i privati, che intervengono a vario titolo, non solo concessionari dei  beni, come leva di sviluppo di strutture e territori, hanno risposto alla crescente  sensibilità verso un differente modo di concepire la fruizione turistica di zone d’Italia  meno note o fino ad ora poco accessibili.  

L’apporto determinante in termini di idee, passione, energia, e risorse messe a  disposizione degli operatori economici e sociali privati ha contribuito a far emergere  e a far percepire un ritrovato desiderio di vivere le bellezze naturali, culturali,  architettoniche e paesaggistiche del nostro paese, con uno stile ed un approccio  tipicamente italiano.  

Valore Paese Italia – Fari è promosso dall’Agenzia del Demanio e dal Ministero della  Difesa, attraverso Difesa Servizi SpA, in collaborazione con CONI, Federazione  Italiana Vela, l’Istituto per il Credito Sportivo, WWF Italia, Touring Club Italia

Cittadinanzattiva e insieme ai partner DIMORE – come ad esempio AICA, ANCE e  ANCE giovani

La Marina Militare è responsabile dal 1911, attraverso il Servizio dei Fari e del  Segnalamento Marittimo, del corretto funzionamento degli ausili alla navigazione  rappresentati da boe luminose, mede, fanali e fari. L’attività s’inserisce tra i compiti  istituzionali della Marina Militare che, mantenendosi al passo con il progresso e il  rinnovamento tecnologico, mette a disposizione della collettività la sua  professionalità, il suo personale e i suoi mezzi per garantire la sicurezza della  navigazione in ingresso e in uscita dai porti italiani. 

Pertanto, i percorsi e le rotte saranno tracciati per enfatizzare la nostra rete di Fari,  ovviamente nei limiti delle percorrenze e, per ulteriore visibilità, ciascuna delle  barche partecipanti avrà il nome di un Faro. 

Sarà una importante occasione di esposizione mediatica di immobili affascinanti,  immersi in contesti di grande suggestione, dedicati al turismo, alla natura, alla cultura  e all’ambiente, grazie ai prestigiosi progetti in atto di ristrutturazione e valorizzazione. 

L’interazione tra arte, cultura, sport, sviluppo turistico ed economico permette di  rafforzare la capacità di proporre le tradizioni delle diverse realtà locali,  promuovendo, così, anche borghi e paesaggi fino ad oggi poco noti, costituendo una  significativa leva di sviluppo per nuove economie di scala (crescita locale e  potenziamento dei sistemi turistico-culturali). 

Perché Nastro Rosa Tour 

Il Nastro Azzurro era il riconoscimento non ufficiale che veniva attribuito alla nave  passeggeri che deteneva il record di velocità media di attraversamento dell’Atlantico,  in regolare servizio e senza scali di rifornimento. Sostanzialmente un trofeo che veniva  assegnato a seguito di traversate. Il nome dell’evento, “Marina Militare Nastro Rosa  Tour” è stato individuato per valorizzare il brand commerciale Marina Militare gestito  da Difesa Servizi e per il forte coinvolgimento della Gazzetta dello Sport nell’iniziativa,  da cui il colore rosa. Un nastro rosa che unisce tutti i mari d’Italia.

Beneficenza e mare pulito 

Marina Militare Nastro Rosa Tour sosterrà attività e progetti di beneficenza ed  ecologici durante tutto il Tour, tra cui WEAVING MEADOW, un’importante  Fondazione che mira a proteggere la posidonia, una pianta acquatica vera fonte di  ossigeno per il mare. La posidonia ha caratteristiche simili alle piante terrestri,  ha radici, un fusto rizomatoso e foglie nastriformi lunghe fino ad un metro e unite in  ciuffi di 6-7. Fiorisce in autunno e in primavera produce frutti galleggianti  volgarmente chiamati “olive di mare”. Forma delle praterie sottomarine che hanno  una notevole importanza ecologica, costituendo la comunità climax del mar  Mediterraneo ed esercitando una notevole azione nella protezione della linea  di costa dall’erosione. Al suo interno vivono molti organismi animali e vegetali che  nella prateria trovano nutrimento e protezione. Il posidonieto è considerato un  buon bioindicatore della qualità delle acque marine costiere. 

L’evento sportivo – Il Tour 

Marina Militare Nastro Rosa è il tour d’Italia a vela. Un’innovativa regata a tappe  lungo le coste d’Italia, con gli specialisti del boards kite foil, la nuova classe Olimpica  in programma nel 2024, gli equipaggi dei velocissimi catamarani Diam 24, scelti per  le stadium racing, e i binomi misti uomo/donna a bordo dei famosissimi Figaro  Beneteau 3, scelti per le lunghe prove di altura. Tutte le classi coinvolgeranno atleti  di fama internazionale, inclusi medagliati Olimpici e campioni di specialità.  

La prima edizione del Tour, patrocinata dal CONI, organizzata con il supporto della  Federazione Italiana Vela e della Gazzetta dello Sport, percorrerà otto tappe lungo  le coste italiane, e varrà anche per l’assegnazione del titolo di campione d’Europa (tratta tirrenica) e di campione del mondo (tratta adriatica) della double mixed  offshore.  

Il percorso del Tour muterà ogni anno, per toccare tutti i porti d’Italia e perché no, del  Mediterraneo, per riaffermare la centralità del nostro Paese nel mare nostrum a  livello sportivo, marinaresco e culturale. 

Alla competizione sono invitati a partecipare anche equipaggi velici dei Gruppi  Sportivi delle Forze Armate e dei Corpi dello Stato. In questo contesto, la 

collaborazione ed il supporto delle Direzioni Marittime e delle Capitanerie di Porto sono fondamentali per la perfetta riuscita della manifestazione. 

Per la pratica a vela, la Marina Militare ha dislocate sul territorio 13 Sezioni Veliche,  all’interno delle quali si svolge attività formativa per la partecipazione alle gare. 218  le imbarcazioni a vela messe a disposizione: 32 barche d’altura, 41 barche costiere e  145 derive. Da evidenziare che la Marina militare è anche il più grande armatore di  imbarcazioni d’epoca con ben 12 barche. 

Il Tour 2021 si svolgerà in due blocchi, quello tirrenico e quello adriatico. Muoverà  ufficialmente da Genova il prossimo 27 agosto e impegnerà i partecipanti sino al 5  settembre, quando la flotta raggiungerà Napoli dopo aver toccato Civitavecchia (31  agosto) e Gaeta (3 settembre). Il secondo blocco di regate è previsto tra il 16 e il 26  settembre e servirà per condurre le imbarcazioni da Brindisi (16 settembre) a Venezia (24 settembre), con tappe intermedie a Bari (19 settembre) e Marina di Ravenna (23  settembre). 

In occasione della tappa di Civitavecchia, in programma dal 31 agosto al 2 settembre  2021, sarà ormeggiata in porto la nave scuola Amerigo Vespucci, veliero portatore di  messaggi positivi che darà visibilità all’evento. Per la circostanza, è intendimento  dell’organizzazione istituire il “trofeo Amerigo Vespucci”, da assegnare al miglior  equipaggio classificato tra quelli appartenenti ai Gruppi Sportivi Militari e dei Corpi  Armati dello Stato, nell’ottica della sana competizione tipica della vela. 

La presenza di nave Vespucci è particolarmente simbolica, perché il veliero  rappresenta la sintesi perfetta del connubio tra la vela e la formazione dei giovani  marinai. 

La pratica sportiva e l’arte di saper andare per mare costituiscono parte integrante  della formazione e della professionalità di base di un marinaio. Nella formazione del  marinaio e del Comandante, lo sport velico risulta essere una indispensabile scuola di  vita. In mare si riconoscono i propri limiti, si adoperano tutte le proprie forze, si fa  equipaggio, si impara a rispettare la natura navigando tra gli elementi, con i quali si  convive e si diventa alleati.

Un evento COVID-19 SAFE 

Questo Tour, svolto in epoca Covid (in osservanza di tutte le misure ministeriali  previste per il contrasto e il contenimento della diffusione del COVID-19) oltre a  presentare il format del giro d’Italia in barca a vela, vuole essere un contributo per la  ripresa dell’attività sportiva e agonistica. In questo senso la vela e Nastro Rosa nello  specifico, offrono le migliori garanzie: l’adozione di apposito protocollo di sicurezza,  il supporto sanitario fornito dall’Ispettorato Generale della Sanità Militare e  dall’Ispettorato Nazionale del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana, la  presenza di varchi di sanificazione GATEAKT e l’effettuazione di test sierologici e  antigenici con sistema diagnostico AFS-1000 resi disponibili rispettivamente da TEKNE  srl e da CIMAF srl (myTest diagnostics), quali partner dell’evento. Tutto si svolgerà  all’aperto con equipaggi di massimo tre persone. Niente squadre, palazzetti sportivi,  ma uno scenario che offre la massima garanzia di svolgimento controllabile e possibile  come ha dimostrato il prologo 2020. 

Un villaggio itinerante aperto al pubblico 

L’evento animerà le sedi di tappa portando l’azione a pochi metri dalle banchine  grazie alle regate con formula stadium race e con un race village che permetterà ad  appassionati e addetti ai lavori di scoprire il dinamico mondo del Marina Militare  Nastro Rosa Tour 2021. 

Lo showcase del Marina Militare Nastro Rosa Tour 2020 ha avuto il via nel Porto antico  di Genova dal 31 agosto al 6 settembre 2020, è proseguito nell’Arsenale Militare di  Venezia dal 2 al 4 ottobre, per concludersi a Trieste, dal 7 al 10 ottobre, con la  partecipazione delle barche del Tour alla classica Barcolana©. 

Le località sedi delle tappe 

Genova (26-28 agosto). Genova e il mare hanno un rapporto stretto, ma  particolare. Il mare è onnipresente nella storia della città. La città di Genova  presenterà, con eventi dedicati nel corso della manifestazione, la partecipazione  all’Ocean Race. Genova, infatti, sarà la tappa conclusiva della prossima edizione di  The Ocean Race nel 2023, un appuntamento storico visto che sarà la prima volta che  il giro del mondo a vela in equipaggio farà tappa in Italia e anche la prima volta che 

The Ocean Race si concluderà in Mediterraneo. A Genova ha sede il prestigioso  Istituto Idrografico della Marina Militare, l’organo Cartografico dello Stato designato  alla produzione della documentazione nautica ufficiale nazionale. l’Istituto Idrografico ha da sempre un ruolo attivo nella valorizzazione dell’ecosistema marino, da un punto  di vista scientifico, tecnologico e ambientale, e conduce studi e sperimentazioni in  campo nautico in collaborazione con università e centri di ricerca.  

Civitavecchia (30 agosto – 1 settembre). È la città più popolosa del litorale che si  trova a nord di Roma ed è una delle località balneare più frequentate del Lazio. Il porto di Civitavecchia è conosciuto fin dai tempi antichi come porto di Roma.  Fondato dall’imperatore Traiano nel 108 d.C. come porto di Roma, ha rappresentato  per molti secoli il fulcro degli scambi e dei contatti tra i popoli dell’antico “Mare  Nostrum”. Come accennato, in occasione della tappa, sarà ormeggiata in porto la  nave scuola Amerigo Vespucci, esempio di eccellente perseveranza che da ben 90  anni solca i mari con innata eleganza e lo stile che la rendono simbolo e testimone del  miglior Made in Italy nel mondo. 

Gaeta (2-3 settembre). Mura di cinta, castelli, torri di avvistamento e basi: Gaeta è  da sempre una città militare. Lo era nei secoli passati e lo è ancora oggi con diverse  presidi italiani e internazionali. Dopo la decisione della Francia di chiudere la base  navale Nato a Marsiglia, l’organizzazione del Trattato Atlantico del Nord ha infatti  trovato a Gaeta un prezioso e strategico snodo logistico. Oggi, la cosiddetta zona  cittadella, è gestita dalla Marina Militare Italiana e ospita le imbarcazioni Nato per  soli lavori di manutenzione e rifornimento. Gaeta è una cittadina ricca di storia e  tradizioni marinaresche che ha ricevuto anche quest’anno da Legambiente e Touring  Club il riconoscimento del prestigioso riconoscimento della vela per qualità  ambientale e qualità dei servizi ricettivi. Il Golfo di Gaeta è una palestra ideale per far  emergere i valori in mare. 

Napoli (4-7 settembre). Napoli è la città di mare più grande d’Italia e tra le più grandi  e famose del Mediterraneo. Sede di un grande e prestigioso porto commerciale, tra i  più attivi e frequentati del mondo, si distingue anche per la bellezza e notorietà della  sua costa, grazie all’unicità delle sue mete più turistiche (Mergellina, Marechiaro,  Gaiola), alla bellezza dei suoi lidi ricchi di storia, alla tradizione delle sue  manifestazioni sportive. Il mare rappresenta dunque una risorsa importante e 

strategica per la città. La Marina Militare, oggi come nel passato, non può fare a meno  di Napoli. Proprio per sottolineare il legame che lega indissolubilmente la città  partenopea con la Forza Armata, lo Stato Maggiore della Marina Militare sceglie  Napoli per organizzare alcuni dei suoi eventi più significativi. Vi ha sede il Comando  Logistico Marina Militare: un Alto Comando della Marina Militare italiana, facente parte delle aree di vertice e responsabile della gestione delle esigenze logistiche della  forza armata. Il Comando Logistico dirige, coordina e controlla le attività di supporto  allo strumento operativo aeronavale, vero core business della Marina Militare.  

Trofeo ALILAURO. A Napoli sarà assegnato il Campionato Europeo d’Altura e il Trofeo  Alilauro, sponsorizzato dalla ALILAURO S.p.A., moderna realtà che occupa un ruolo di  primo piano nello scenario armatoriale italiano. 

Brindisi (15-17 settembre). Un abbraccio attorno al mare: Brindisi è una città dalle  origini antiche, a sudest della regione, sorge là dove il mare Adriatico si fonde e  diventa mar Mediterraneo. Di certo il porto vecchio, nel cuore della città, è una delle  caratteristiche che rende Brindisi unica. Centro tra i più popolosi del Salento, la città  riveste un importante ruolo commerciale e culturale, dovuto alla sua posizione  sul mare Adriatico. Il Castello Alfonsino in pietra rossa sorge su un isolotto  all’imbocco del porto. L’imponente Monumento al Marinaio d’Italia in pietra calcarea  a forma di timone regala panorami del mare e della città. Il Castello Svevo, il più  importante e antico della città, è sede del Comando della Brigata Marina San Marco che ne cura la manutenzione e la conservazione. Con le tre navi “LPD” della Marina:  San Marco, San Giorgio e San Giusto, oggi la Forza da Sbarco costituisce la  componente anfibia delle Forze Armate Italiane; uno strumento efficacissimo, capace  di rischierarsi rapidamente e di operare in qualsiasi parte del mondo. La Brigata  Marina San Marco svolge le funzioni di proiezione di forza dal mare, di supporto alle  navi nelle operazioni di interdizione marittima e antipirateria, e di difesa delle  installazioni nazionali. 

Bari (18-20 settembre). È un vero viaggio nel tempo quello che si può fare nella costa  di Bari. Un’atmosfera davvero unica dove convivono borghi che custodiscono anche  tradizioni e meravigliose sfumature cristalline del Mar Adriatico. Il mare di Bari ha per  lunghi periodi modellato la storia della città e del suo entroterra. E la storia della città 

si è per lunghi tratti plasmata sul suo mare, in un processo di interazione non sempre  continuo e serrato, ma che tuttavia ha solcato i millenni. 

Marina di Ravenna (22-23 settembre). È una meta rinomata tra i velisti. La  località ospita Marinara, il porto turistico più importante dell’alto Adriatico, con circa  1100 ormeggi e due dighe foranee che garantiscono l’accessibilità anche in condizioni  di maltempo. Immersa nel verde di una rigogliosa pineta costiera e facilmente  raggiungibile sia via terra sia via mare, Marina di Ravenna è senza dubbio una località  dinamica e di tendenza, con locali e stabilimenti balneari e un’organizzazione  turistico-alberghiera in grado di richiamare durante il periodo estivo numerose  famiglie ma soprattutto un pubblico giovane ed esigente. 

Venezia (24-26 settembre). Venezia è la regina del mare. È stata soprannominata  “La Dominante”, “Serenissima”, “La regina dell’Adriatico”, “Città d’acqua”, “Città dei  ponti”, “Città dei canali”, “Città delle maschere” e “Città galleggiante”. Nella realtà,  Venezia è stata una delle maggiori potenze marinare nella storia mondiale e, allo  stesso tempo, anche la più antica e longeva repubblica del mondo. Presso l’Antico  Arsenale di Venezia, destinato a divenire la sede del polo culturale della Marina  Militare, ha sede l’Istituto di Studi Militari Marittimi e il Museo Storico Navale. Nei  pressi vi è anche la sede della scuola navale militare “ Francesco Morosini”: una scuola  di istruzione di secondo grado dove si svolgono gli ultimi tre anni del liceo scientifico  e classico tradizionale il cui obiettivo è quello di istruire i giovani e suscitare in essi  l’interesse alla vita sul mare orientandoli verso le attività ad esso connesso,  integrandolo con una formazione pre-universitaria di eccellenza che consenta ai  frequentatori sbocchi professionali di prestigio, non indirizzati esclusivamente  all’arruolamento nelle Forze Armate, ma anche all’impiego nel mondo civile. 

I principali partner  

Il Marina Militare Nastro Rosa Tour 2021 è un progetto ambizioso in cui Difesa Servizi ha creduto e si è fortemente impegnata con la Marina Militare, Ssi Events e tutti i  partner e sponsor che hanno aderito. 

Presenting partner del Tour è Fincantieri, uno dei più importanti complessi  cantieristici al mondo, leader italiano a livello globale nella progettazione e  costruzione di navi da crociera, operatore di riferimento in tutti i settori della 

navalmeccanica ad alta tecnologia, dalle navi per la Difesa all’offshore e navi speciali,  dai ferry ad alto valore aggiunto ai mega-yacht. 

Main partner dell’evento è ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo. Il Brand Italia  anche nel turismo è abbinato alle eccellenze della moda, dell’enogastronomia, della  cultura, del nostro “life style”. E’ per tali ragioni che il mondo del turismo e quello del  Made in Italy sono strettamente connessi e sinergici. 

Partner istituzionale dell’iniziativa anche l’Istituto per il Credito Sportivo, banca  sociale per lo sviluppo sostenibile dello Sport e della Cultura con il quale Difesa Servizi  ha siglato un protocollo d’Intesa per il recupero e la valorizzazione del patrimonio  immobiliare militare a vocazione sportiva e culturale affidato alla Società, con  l’obiettivo di promuovere nuove progettualità gestionali che coinvolgano attivamente  le istituzioni militari e non solo, i cittadini e le imprese.  

Partner & sponsor del Marina Militare Nastro Rosa Tour

NOTE DI LINGUAGGIO 

Messaggi chiave 

Difesa Servizi, in coerenza con la sua missione, ha ideato, in partnership con SSI  Events, questo importante evento sportivo di rilievo internazionale per valorizzare  il brand Marina Militare attraverso la vela, che è la massima espressione del  legame tra l’uomo e il mare, nel rispetto della nostra tradizione marinaresca e per  la promozione della cultura marittima. 

Difesa Servizi crede fortemente in questo progetto, del valore sportivo e culturale  di che è portatore e che vuole, in piccolo, contribuire anche alla ripresa del Paese  attraverso il ritorno alla normalità. 

Marina Militare Nastro Rosa Tour nasce in particolare per le attività di  promozione di Valore Paese Italia, in collaborazione con tutti i partner coinvolti,  con un progetto a medio-lungo termine di portata significativa e richiamo  internazionale e con l’occasione unica di promuovere la bellezza e l’attrattività del  nostro Paese, visto il forte legame che esprimono con il tessuto sociale e culturale  delle diverse realtà italiane

Si tratta di una manifestazione sportiva alla prima edizione ma concepita con una  visione a “medio-lungo termine” e con l’imprimatur della Marina Militare che, con  il suo vessillo, è simbolo nel mondo delle antiche e prestigiose tradizioni della  marineria italiana. 

Per cultura e tradizione il legame tra la Marina Militare e la vela è sinonimo di  cultura marittima, di valori alla base della formazione di ogni marinaio. 

I percorsi e le rotte saranno tracciati per enfatizzare la nostra rete di Fari, affidati  in concessione dallo Stato ai privati grazie al progetto Valore Paese Italia – Fari,  ovviamente nei limiti delle percorrenze e, per ulteriore visibilità, ciascuna delle  barche partecipanti avrà il nome di un Faro. Sarà una importante occasione di  esposizione mediatica di immobili molto affascinanti, immersi in contesti di grande  suggestione, dedicati al turismo, alla natura, alla cultura e all’ambiente, grazie ai  prestigiosi progetti in atto di ristrutturazione e valorizzazione.

Il percorso del Tour muterà ogni anno, per toccare tutti i porti d’Italia e perché no,  del Mediterraneo, per riaffermare la centralità del nostro Paese nel mare nostrum a livello sportivo, marinaresco e culturale. 

Marina Militare Nastro Rosa Tour sosterrà attività e progetti di beneficenza ed  ecologici durante tutto il Tour, tra cui WEAVING MEADOW, un’importante  Fondazione che mira a proteggere la posidonia, una pianta acquatica endemica del  Mar Mediterraneo, vera fonte di ossigeno per il mare. 

La vocazione marittima rappresenta per l’Italia un bisogno irrinunciabile. Una  fonte di ricchezza, ma anche di sfide, a cui il Paese tutto deve prioritariamente  guardare nell’inquadrare i propri interessi vitali e strategici. 

La Marina Militare è la Forza Armata che incarna la millenaria vocazione  marittima di una Nazione il cui sviluppo e prosperità sono ineludibilmente  dipendenti dal mare. 

Un mare più sicuro è sinonimo di progresso per il nostro Paese e per il mondo  intero. Alla base della “crescita blu”, vi è la capacità di poter accedere al mare in  modo continuo e sostenibile. 

La Marina Militare, con la continua presenza e sorveglianza degli spazi marittimi  e il suo potenziale di deterrenza, difesa avanzata e proiezione di capacità, tutela e  promuove l’interesse nazionale, la pace e la stabilità internazionali, garantendo il  libero e sicuro uso del mare. 

La Marina Militare offre ai giovani un “mare di opportunità”: mettersi in gioco e  accettare sfide avvincenti, intraprendere un percorso formativo di altissimo livello  con l’obiettivo di contribuire per costruire un futuro migliore.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.